C’è il 25 per cento di sconto sui fumetti di Coconino

E quindi sui – mediamente più costosi – libri di Gipi, Daniel Clowes e David B., tra gli altri

Da domenica 15 settembre e fino al 15 ottobre tutti i fumetti nel catalogo della casa editrice Coconino sono scontati del 25 per cento in molte librerie fisiche e in quelle online. Coconino è la casa editrice che pubblica, tra gli altri, i libri di fumettisti affermati come Gipi, Emanuele Fior e Paolo Bacilieri, tra gli italiani, e Daniel Clowes, Chris Ware e David B. tra gli stranieri: dato che generalmente i cosiddetti “graphic novel” – cioè i fumetti che si acquistano nelle librerie – sono più costosi dei libri senza figure, è una buona occasione per recuperare quelli che ci mancano o scoprire un autore molto apprezzato. Abbiamo messo insieme dieci consigli per recuperare fumetti belli che potreste esservi persi, per orientarsi meglio nel catalogo.

Tutti i fumetti di Gipi
Gian Alfonso Pacinotti, meglio noto con lo pseudonimo di Gipi, è uno dei fumettisti italiani più importanti e conosciuti. Nato a Pisa nel 1963, nella sua carriera ha fatto moltissime cose diverse: ha girato tre film, ha disegnato illustrazioni per giornali e riviste (tra cui questa, che documenta la nascita del Post), copertine di album musicali e libri e inventato un gioco di carte. In generale è uno di quelli molto bravi a raccontare storie e Coconino ha pubblicato tutti i suoi libri. L’ultimo, La terra dei figli (2016), è ambientato in un futuro post-apocalittico, ma la maggior parte degli altri sono più realistici. Per esempio in LMVDM racconta una parte della sua vita: il titolo sta appunto per “La mia vita disegnata male”.

Qui potete trovare i fumetti di Gipi su Amazon, qui su IBS.

Il Grande Male di David B.
Anche questo fumetto è autobiografico e racconta la giovinezza dell’autore e in particolare il suo rapporto con l’epilessia del fratello, il “grande male” appunto. David B., nato nel 1959, è francese ed è un autore molto importante nella scena del fumetto francese, che ha una sua lunga tradizione, molto più radicata di quella italiana. Il libro, che nell’edizione originale uscì in diversi volumi tra il 1996 e il 2003, è piuttosto pesante: è lungo 378 pagine.

Qui potete trovare i fumetti di David B. (Coconino ne ha pubblicati anche altri) su Amazon, qui su IBS.

La trilogia di Berlin
Non un’autobiografia ma un romanzo storico è invece la trilogia Berlin dell’americano Jason Lutes, composta da La città delle pietre, La città di fumo e La città della luce. Attraverso le vicende di vari personaggi racconta com’era la capitale tedesca durante la cosiddetta Repubblica di Weimar, cioè prima della presa del potere da parte di Adolf Hitler: una città piena di progressismo e vivacità culturale ma anche di aspre tensioni sociali. Lutes aveva iniziato a lavorare alla serie nel 1996, in Italia il primo era uscito nel 2003, il secondo nel 2008, il terzo l’anno scorso.

Qui trovate i fumetti di Jason Lutes su IBS.

I fumetti di Daniel Clowes
Tra gli autori americani pubblicati da Coconino c’è anche Daniel Clowes: non c’è il suo romanzo a fumetti più recente, Patience (di cui potete leggere un estratto qui), ma i precedenti sì. Tra questi ce ne sono due da cui sono stati tratti dei film: sono Ghost World, interpretato al cinema, nel 2001, da Scarlett Johansson e Steve Buscemi, e Wilson, il cui protagonista è stato interpretato da Woody Harrelson nel film del 2017. Il primo parla di due liceali sarcastiche che per la noia ne fanno di ogni; il secondo di un uomo di mezza età che scopre di avere una figlia adolescente.

Qui potete trovare i fumetti di Clowes su Amazon, qui su IBS.

Sabrina di Nick Drnaso
Sabrina è il primo fumetto a essere entrato nella lista dei libri candidati al Man Booker Prize (la longlist per la precisione), il più importante premio letterario internazionale della lingua inglese: è successo l’anno scorso. Parla di un militare statunitense la cui vita cambia quando un amico di vecchia data va a fargli visita dopo che gli è successa una cosa molto brutta. Coconino ha anche pubblicato Beverly di Nick Drnaso, che è un po’ più giovane degli altri fumettisti citati finora: è nato nel 1989.

Qui trovate i suoi fumetti in vendita su IBS.

I fumetti di Andrea Pazienza
Andrea Pazienza (1956-1988) è notissimo anche tra chi non l’ha mai letto, e forse appunto perché non lo si è mai letto si può approfittare del 25 per cento sui libri di Coconino per farlo finalmente. Nell’anniversario dei 30 anni della morte, l’anno scorso, ha realizzato nuove edizioni delle sue raccolte, tra cui quella delle vignette con il presidente Pertini, Le straordinarie avventure di Pentothal e i fumetti con protagonista Zanardi.

Qui potete trovare i fumetti di Pazienza su Amazon, qui su IBS.

I fumetti di Simon Hanselmann
Tornando ad autori (vivi e) nati negli anni Ottanta, Coconino è l’editore italiano di Simon Hanselmann, un fumettista tasmaniano. È il creatore del personaggio di Meg, una strega tossicodipendente e promiscua che ha per amici un lupo mannaro e un gufo antropomorfo. I suoi fumetti – il primo uscito in italiano è Megahex – non sono rassicuranti, ma possono essere molto divertenti.

Qui potete trovarli su Amazon, qui su IBS.

Cheese di Zuzu
In quota novità, segnaliamo una delle ultime uscite di Coconino: Cheese della 23enne italiana Zuzu, pseudonimo di Giulia Spagnulo.
Cheese era nato come tesi di laurea di Spagnulo allo IED (l’Istituto Europeo di Design di Milano) ed è poi diventato un graphic novel quasi autobiografico grazie ai consigli di due altri grandi fumettisti italiani, Ratingher e Gipi. Racconta la storia di Zuzu e dei suoi amici, Dario e Riccardo, alle prese con l’estate successiva alla fine del liceo, gli ultimi mesi prima di entrare nella vita adulta, tra cotte, sogni, delusioni e gare di formaggi rotolanti. È anche un libro sulla bulimia, vissuta dalla protagonista, e sull’accettazione del proprio corpo, raccontati attraverso uno stile deformante e lontano dal realismo.

Qui potete trovare Cheese su IBS e qui su Amazon.

Il nuovo fumetto di Paolo Bacilieri
Ettore & Fernanda racconta una storia italiana forse poco conosciuta, quella di come Fernanda Wittgens ed Ettore Modigliani salvarono le preziose opere d’arte della Pinacoteca di Brera di Milano durante la Seconda guerra mondiale. Nel 1928 Fernanda Wittgens era una giovane storica dell’arte quando venne assunta come assistente dal direttore della Pinacoteca, Ettore Modigliani. Due anni dopo fu al suo fianco quando Modigliani fece trasportare via nave 90 opere d’arte a Londra per allestirvi una mostra; gli rimase vicino anche quando, nel 1935, il regime lo mandò al confino perché ebreo. Wittgens prese allora il suo posto e divenne la prima donna direttrice dell’Accademia, impegnandosi a proteggere le opere durante i bombardamenti.

Qui potete trovare i fumetti di Bacilieri su Amazon, qui su IBS. Qui invece potete vedere alcune pagine di uno dei suoi fumetti, FUN, in cui si vede sempre Milano.

Due storici fumetti di Chris Ware
Chris Ware è considerato probabilmente il fumettista più innovativo e influente degli ultimi anni: i suoi libri vanno oltre le formule narrative classiche del fumetto, mescolando letteratura, architettura, arti visive. È famoso anche per come organizza lo spazio delle tavole: razionale, geometrico, seriale e intricato.

Coconino ha ristampato uno dei suoi graphic novel di maggior successo: Jimmy Corrigan. Il ragazzo più in gamba sulla Terra racconta la storia di un suo alter ego, un 36enne solitario abbandonato dal padre da piccolo, che cerca di recuperare un rapporto con lui una volta adulto. Il libro vinse l’American Book Award, cioè il più importante premio letterario statunitense. Coconino ha pubblicato anche Il Palazzo della Memoria, il primo libro in italiano su Ware che ricostruisce il suo percorso artistico attraverso tavole, illustrazioni, disegni, quattro suoi scritti e contributi di colleghi e studiosi.

Qui trovate i due fumetti su IBS, qui c’è Il Palazzo della Memoria su Amazon e qui Jimmy Corrigan: il ragazzo più i gamba sulla Terra.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi, il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte.
Ma potete anche cercarli su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.