L'attrice Kristen Stewart al photocall di Seberg al festival di Venezia, 30 agosto (Joel C Ryan/Invision/AP)

Il terzo giorno al Festival di Venezia

Tocca a "J'accuse" di Roman Polanski e a "Il sindaco del Rione Sanità" di Mario Martone e ci sono Kristen Stewart, Louis Garrel ed Emmanuelle Seigner, tra gli altri

L'attrice Kristen Stewart al photocall di Seberg al festival di Venezia, 30 agosto (Joel C Ryan/Invision/AP)

Il 30 agosto di quarant’anni fa morì Jean Seberg, attrice icona della Nouvelle Vague. Oggi, terzo giorno del Festival di Venezia, è il giorno del film fuori concorso Seberg, in cui l’attrice è interpretata da Kristen Stewart. Per quanto riguarda invece i film in concorso è il giorno di J’accuse di Roman Polanski e di Il sindaco del Rione Sanità, che è diretto da Mario Martone ed è uno dei tre film italiani in corsa per il Leone d’oro.

J’accuse (il cui titolo italiano sarà L’ufficiale e la spia) arriverà nei cinema a novembre e racconta la storia dell’affaire Dreyfus, dal nome del generale Alfred Dreyfus, francese ed ebreo, che prima della Prima guerra mondiale fu accusato di aver venduto segreti militari alla Germania. “J’accuse” è il titolo di un editoriale di con cui Émile Zola accusò gli accusatori di Dreyfus, che nel film è interpretato da Louis Garrel.

Il sindaco del rione Sanità riprende un dramma di Eduardo De Filippo, ambientandolo però ai giorni nostri. Il sito del Festival lo presenta così:

Antonio Barracano, uomo d’onore che sa distinguere tra gente per bene e gente carogna, è ‘Il Sindaco’ del Rione Sanità. Con la sua carismatica influenza e l’aiuto dell’amico medico amministra la giustizia secondo suoi personali criteri, al di fuori dello Stato e al di sopra delle parti. Chi ‘tiene santi’ va in Paradiso e chi non ne ha va da Don Antonio, questa è la regola. Quando gli si presenta disperato Rafiluccio Santaniello, il figlio del fornaio, deciso a uccidere il padre, Don Antonio riconosce nel giovane lo stesso sentimento di vendetta che da ragazzo lo aveva ossessionato e poi cambiato per sempre. Il Sindaco decide di intervenire per riconciliare padre e figlio e salvarli entrambi.