No, Instagram non ha cambiato le regole sui diritti d’autore delle foto

Circola un testo che sostiene che da oggi le vostre foto siano di proprietà del social network, ma è una vecchia bufala

Da alcuni giorni su Instagram sta circolando molto la foto di un testo in inglese che sostiene che lo stesso Instagram avrebbe cambiato le sue regole sui diritti d’autore. Il testo è stato pubblicato da molti personaggi famosi statunitensi – tra cui le attrici Julianne Moore e Debra Messing e il regista Judd Apatow – cosa che ha contribuito a renderlo virale, e anche in Italia ha iniziato a circolare nelle ultime ore. Il suo contenuto è falso.

Nel testo si legge che Instagram avrebbe modificato le Condizioni d’uso “a partire da oggi”, senza specificare però la data precisa, e che le nuove regole permetterebbero al social network di ottenere il diritto d’autore su qualsiasi contenuto pubblicato dagli utenti, anche su quelli cancellati. Il testo sostiene anche che le foto potrebbero essere usate da Instagram contro gli utenti nel caso di procedimenti legali, e che l’unico modo per evitarlo sarebbe pubblicare la foto del testo sul proprio profilo.

In realtà Instagram non ha cambiato nessuna regola sui diritti d’autore delle foto: il testo che sta circolando è infatti una vecchia bufala del 2012, già ampiamente smentita. Oggi Stephanie Otway, responsabile della comunicazione di Instagram, l’ha smentita nuovamente, come riporta il sito Women’s Wear Daily. 

Le Condizioni d’uso di Instagram per quanto riguarda il diritto d’autore, infatti, sono invariate e non c’è stata nessuna modifica. Gli utenti posseggono il diritto d’autore su ogni contenuto che pubblicano (foto, video e storie), mentre Instagram ha una “licenza non esclusiva’” di utilizzare quei contenuti senza dover ricompensare economicamente gli utenti, ma non può venderli a soggetti terzi. Questa licenza è anche trasferibile, quindi qualsiasi utente può condividere i contenuti di altri utenti su Instagram, senza violare il diritto d’autore: non può però pubblicarli su altre piattaforme o farne altri usi. L’unico modo per revocare questa licenza è eliminare i propri contenuti o il proprio account.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.