Il Senato si riunirà domani alle 18

Ai senatori sarà sottoposta la proposta di convocare Giuseppe Conte martedì 20 agosto, ma la Lega vuole far prima

La conferenza dei capigruppo del Senato – riunita oggi nonostante la sospensione dei lavori parlamentari, dopo la decisione della Lega di ritirare il suo sostegno al governo – non ha raggiunto un consenso unanime sulle prossime mosse e quindi ha deciso di proporre all’aula di fissare per martedì 20 agosto le comunicazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. La proposta sarà discussa e votata dal Senato domani, martedì 13 agosto, alle 18.

Con la formula “comunicazioni del presidente del Consiglio” non si intende direttamente la discussione e il voto della mozione di sfiducia, che dovrebbe avvenire successivamente: lo deciderà l’aula del Senato domani. Secondo quanto scrivono i giornali, la Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia avrebbero voluto convocare Conte in aula già per il 14 agosto; PD e LEU invece hanno protestato perché non avrebbero voluto rimettere la convocazione di Conte all’aula, col rischio che la proposta del 20 agosto non passi e prevalga la linea di chi vuole far prima.

Leggi anche: Le date della crisi

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.