La lotta alla calvizie fa progressi

Negli ultimi mesi sono state presentate due promettenti ricerche con un obiettivo simile: ricreare i follicoli che ci riempiono la testa

Dai Simpson.

La calvizie, detta propriamente alopecia androgenetica, interessa e preoccupa centinaia di milioni di uomini nel mondo, arrivando a interessarne circa la metà di quelli con più di cinquant’anni; e riguarda anche le donne, in misura significativamente minore. È uno di quei casi in cui coincidono una grande potenzialità commerciale e un imponente interesse scientifico, eppure i rimedi trovati finora consistono in cure farmacologiche che hanno successo in una percentuale ridotta di casi, o in interventi chirurgici che hanno normalmente buoni risultati, ma che hanno ancora grandi limiti. La scienza ha dedicato molti sforzi a trovare una strada alternativa, e nelle ultime settimane sono stati presentati i risultati di alcune ricerche promettenti che hanno a che fare con le cellule staminali e con le stampe 3D.

Dal punto di vista clinico, la calvizie è legata alla produzione di ormoni androgeni – prodotti sia dagli uomini che dalle donne, generalmente in misura maggiore nei primi – e al loro effetto sui follicoli piliferi, le strutture che producono le cellule che costituiscono i peli e i capelli. Una testa normale contiene decine di migliaia di follicoli, ciascuno dei quali ha alla base una papilla dermica, la parte interna del bulbo vero e proprio, fondamentali per la crescita materiale del capello. La vita di queste papille è limitata, e collegata alla produzione di ormoni: quando scompaiono, i follicoli che le contengono si “miniaturizzano” entrando in una specie di fase dormiente. Le cause della calvizie possono essere varie, le avevamo raccontate più estesamente qui.

Finora non abbiamo ancora capito come riportare in vita un follicolo entrato in questa fase: e non sappiamo nemmeno se sia possibile. Per questo i normali interventi chirurgici contro la calvizie non “riportano in vita” le strutture che producono i capelli, ma spostano un po’ di quelle ancora funzionanti – solitamente prendendole dai lati e dal retro dello scalpo – nelle aree della testa senza capelli, solitamente la parte superiore. È una procedura che può costare una decina di migliaia di euro e ha spesso ottimi risultati, anche se in certe parti del mondo è eseguita in modo approssimativo o addirittura usando i follicoli dei peli delle ascelle o della schiena, con esiti disastrosi. Un trapianto di follicoli altrui presenta i noti rischi di rigetto, e in più rientrerebbe nella compravendita di organi, pratica illegale.

Perché perdiamo i capelli

Per questo parte della ricerca sui rimedi chirurgici alla calvizie si è concentrata sulle cellule staminali, cioè quelle cellule non specializzate presenti in ogni organismo e che le terapie cellulari stanno provando a impiegare per curare varie malattie. Come ha spiegato l’Atlantic, queste ricerche sono accomunate dall’obiettivo di creare delle specie di colture di capelli: si prende una cellula staminale dalla pelle o dal sangue di un adulto, la si trasforma in una cellula in grado di produrre un capello, la si impianta in un follicolo che a sua volta viene trapiantato sulla testa della persona calva, aspettando che la natura faccia il resto. Questo procedimento è ovviamente molto più complicato di così.

Per anni, infatti, gli scienziati hanno incontrato ostacoli apparentemente insormontabili in questo processo. Il principale era che le cellule staminali modificate, con il passare del tempo, non rimanevano confinate all’interno dei follicoli in cui venivano impiantate: questa dispersione rendeva impossibile la crescita del capello, oppure la bloccava dopo un certo periodo di tempo. Una volta individuato il problema, l’obiettivo è diventato creare delle strutture – dei follicoli “artificiali” – in grado di contenere a lungo le cellule, e che in più mantenessero anche il proprio “orientamento”. I follicoli su una testa sono infatti disposti in modo che i capelli adiacenti crescano nella stessa direzione: in un ipotetico scalpo fatto di follicoli artificiali disposti a caso, i capelli crescerebbero in sensi diversi con risultati molto innaturali, ha spiegato all’Atlantic Geoff Hamilton, imprenditore a capo di Stemson Therapeutics, una start up che si sta occupando della questione.

Capelli umani riprodotti sulla pelle di un topo. (Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute)

Proprio dalla Stemson Therapeutics è arrivata una delle due potenziali svolte nella ricerca sulla calvizie delle ultime settimane: Hamilton ha detto che la sua società è riuscita a creare una struttura artificiale e biodegradabile (fatto dello stesso materiale dei punti di sutura riassorbibili) in grado di contenere le cellule a lungo, in modo da riprodurre una papilla dermica funzionante. Queste strutture sono state sviluppate in collaborazione con la casa farmaceutica Allergan e grazie a uno studio coordinato dalla ricercatrice italiana Antonella Pinto dell’istituto Sanford Burnham Prebys di San Diego, California. La sperimentazione umana dovrebbe cominciare entro un anno e mezzo.

A giugno, Stemson Therapeutics ha presentato la ricerca: nella sperimentazione animale gli scienziati sono riusciti a far crescere capelli umani su un topo senza peli. Per poter applicare il metodo alla calvizie, gli scienziati contano di riuscire a riprodurre l’intero follicolo, e non soltanto le papille dermiche: a quel punto potranno essere trapiantati sulle persone. Se dovesse funzionare, il problema sarà poi rendere il processo più economico.

Ma quella di Stemson Therapeutics non è stata l’unica ricerca promettente presentata di recente. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature lo scorso dicembre ha spiegato come un gruppo di scienziati, guidati dalla genetista e dermatologa Angela Christiano, della Columbia University, sia riuscito a creare una struttura in grado di ospitare un follicolo con una stampante 3D. I ricercatori hanno creato degli stampi in plastica in grado di ospitare le cellule dei follicoli umani di alcuni donatori, hanno aggiunto particolari sostanze che favoriscono la crescita e in tre settimane sono riusciti a far crescere capelli umani.

Erbil Abaci, uno degli autori dello studio, ha spiegato che l’esperimento è quindi riuscito a riprodurre dei follicoli umani in vitro in una vera coltura: cioè «una struttura di capelli disposti correttamente e sviluppati in modo che possano essere trapiantati di nuovo sullo scalpo della stessa persona» che aveva donato le cellule iniziali. Secondo Abaci, in futuro sarà possibile prelevare un singolo follicolo da una persona e riprodurne fino a 2.000 in laboratorio, che potranno così essere trapiantati sullo scalpo del donatore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.