• Moda
  • martedì 9 luglio 2019

Gli anni Sessanta di Terence Donovan

E le foto che scattò a Sophia Lauren, Claudia Cardinale, Julie Christie e altri volti noti di quegli anni e della "Swinging London"

Celia Hammond per la rivista Queen, 12 settembre 1963 © Terence Donovan

Sophia Lauren, Claudia Cardinale e Julie Christie – alcune delle attrici più famose degli anni Sessanta – furono fotografate in quegli anni da Terence Donovan, un fotografo che lavorò per diverse e importanti riviste britanniche contribuendo alla rappresentazione della cosiddetta Swinging London, termine che indica l’insieme di tendenze e dinamiche culturali che si svilupparono nel Regno Unito (e a Londra in particolare) negli anni Sessanta. Le foto di Donovan sono ora esposte nella mostra “Terence Donovan: The 1960s. Vintage Prints from the Archive” alla Huxley-Parlour Gallery di Londra fino al 27 luglio.

Terence Donovan nacque nell’East End di Londra nel 1936 e aprì il suo primo studio fotografico a 22 anni, dopo aver iniziato a dedicarsi alla fotografia da quando ne aveva 11. Le sue foto, scattate in gran parte nella zona di Londra dove era cresciuto, sono ricordate anche per la scelta di ambientarle in posti al tempo considerati inusuali e che ricordavano più la fotografia di reportage, come rovine o cantieri industriali.

Tra le persone che ha fotografato ci sono Julie Christie, Terence Stamp, Monica Vitti, Sophia Loren, Claudia Cardinale, Celia Hammond e Dave Brubeck, in lavori realizzati sia per campagne pubblicitarie che editoriali di moda. Negli anni Donovan ha lavorato per alcune delle riviste progressive dell’epoca come Queen, Town e London Life e in seguito anche per Vogue, Harper’s Bazaar, Elle e Nova.

Dagli anni Settanta si dedicò sempre più a video, pubblicità televisive e campagne pubblicitarie. Una delle altre cose per cui ha raggiunto una certa notorietà è stata la direzione del video della canzone di Robert Palmer, Addicted to Love (1986). Donovan è morto nel 1996, a 60 anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.