Le giocatrici della Francia cantano l'inno nazionale prima degli ottavi di finale (Alex Grimm/Getty Images)
  • Sport
  • venerdì 28 Giugno 2019

Francia-Stati Uniti poteva essere la finale

Le due grandi favorite per la vittoria dei Mondiali femminili si incontrano già stasera a Parigi, nei quarti di finale

Le giocatrici della Francia cantano l'inno nazionale prima degli ottavi di finale (Alex Grimm/Getty Images)

Questa sera al Parco dei Principi di Parigi si giocherà il secondo quarto di finale dei Mondiali di calcio femminili. Dopo la netta vittoria dell’Inghilterra sulla Norvegia, stasera alle 21 toccherà alle due grandi favorite del torneo: la Francia, nazionale ospitante, e gli Stati Uniti, detentori del titolo mondiale vinto in Canada nel 2015. Per molti si tratta di una finale anticipata. Gli altri due quarti di finale, tra cui Italia-Olanda, si giocheranno invece nel fine settimana.

Nel calcio femminile Francia e Stati Uniti hanno i movimenti nazionali più sviluppati e competitivi al mondo: gli Stati Uniti hanno il maggior numero di Mondiali vinti, mentre la Francia, che il Mondiale deve ancora vincerlo, è la nazione da cui proviene il club campione d’Europa da quattro stagioni consecutive, il Lione.

Pur non avendo dimostrato di essere imbattibili, Stati Uniti e Francia sono state le migliori nazionali del torneo insieme a Germania e Inghilterra. La Francia non ha la potenza esplosiva degli Stati Uniti ma ha dato l’impressione di essere la squadra in grado di esprimere il miglior calcio del torneo. È un miscuglio efficace e bilanciato di esperienza ed esuberanza, di organizzazione e istinto, tecnica e atletismo. Per costruirla, l’allenatrice Corinne Diacre si è affidata inevitabilmente al blocco proveniente dal Lione, squadra per la quale giocano le cinque titolari più importanti della formazione: Wendie Renard, Eugenie Le Sommer, Amandine Henry, Sarah Bouhaddi e Amel Majri.

La nazionale femminile statunitense, detentrice di tre titoli mondiali, sembra diventi più forte ogni anno che passa. In Francia si è presentata da grande favorita con uno squadrone composto da almeno una quindicina di giocatrici che troverebbero posto fra le titolari in qualsiasi altra nazionale. Carli Lloyd, Megan Rapinoe, Lindsey Horan, Julie Ertz sono fra le più grandi calciatrici in attività, anche se il simbolo di questa nazionale è l’attaccante Alex Morgan, la calciatrice americana più pagata e la prima donna ad essere finita sulla copertina del videogioco FIFA di EA Sports. Le calciatrici americane sono probabilmente le meglio allenate e le più preparate, a giudicare dall’intensità con cui giocano e dalle loro diffuse abilità tecniche. Come la Francia, tuttavia, possono andare in difficoltà nella fase difensiva.

Dove vedere i Mondiali femminili

I Mondiali femminili sono trasmessi da Rai e Sky con due diverse offerte. Rai trasmette in diretta su Rai 1 e Rai 2 le partite della nazionale italiana, mentre gli altri incontri principali – non tutti – vengono trasmessi su Rai Sport (canale 58). I canali Rai si possono vedere anche in streaming tramite la piattaforma online Rai Play, raggiungibile da qui.

Sky ha acquistato i diritti per la trasmissione completa del torneo. Trasmette quindi tutte le 52 partite in programma, 37 delle quali in esclusiva. Gli incontri vanno in onda sul canale dedicato Sky Sport Mondiali (202), incluso nell’offerta Sky Calcio, e su Sky Sport Football. Gli abbonati potranno seguirle anche in streaming tramite le piattaforme online Sky Go e Now TV. Su Now TV chi non possiede un abbonamento potrà comunque acquistare il pass giornaliero a 7,99 euro.