• Mondo
  • martedì 25 giugno 2019

La Corte di giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che la controversa legge sul pensionamento dei giudici in Polonia era contraria alle leggi europee

La Corte di giustizia dell’Unione Europea ha stabilito lunedì che la controversa riforma sul pensionamento dei giudici in Polonia era contraria alle leggi europee e violava il principio di indipendenza del sistema giudiziario. La riforma, entrata in vigore nel luglio 2018, avrebbe dovuto abbassare retroattivamente l’età della pensione per i giudici della Corte Suprema da 70 a 65 anni, costringendo 27 giudici su 74 a ritirarsi prima della scadenza del loro mandato, e permettendo al governo di assumerne di fatto il controllo. La riforma era stata bloccata temporaneamente dalla Corte di giustizia dell’Unione europea dopo un ricorso della Commissione Europea, in attesa di una decisione finale. Intanto, però, la Polonia aveva rinunciato alla riforma e lo scorso dicembre i 27 giudici costretti al pensionamento erano stati reintegrati.

Una protesta contro la riforma dell'età pensionabile dei giudici, Varsavia, 2018 (WOJTEK RADWANSKI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.