Il Grand Palasi allestito per la cerimonia in ricordo di Karl Lagerfeld, al Grand Palais di Parigi, 20 giugno 2019 (Pascal Le Segretain/Getty Images)
  • Moda
  • venerdì 21 giugno 2019

L’unica cerimonia per ricordare lo stilista Karl Lagerfeld

A Parigi: hanno partecipato ballerini di tango, presidenti di aziende di moda, Tilda Swinton, Fanny Ardant, Cara Delevingne

Il Grand Palasi allestito per la cerimonia in ricordo di Karl Lagerfeld, al Grand Palais di Parigi, 20 giugno 2019 (Pascal Le Segretain/Getty Images)

Giovedì 20 giugno si è tenuta al Grand Palais di Parigi “Karl for Ever”, una cerimonia in ricordo dello stilista Karl Lagerfeld – uno dei più influenti e probabilmente il più celebre dei nostri tempi, direttore creativo di Chanel negli ultimi 35 anni – morto il 19 febbraio scorso a 85 anni. Lagerfeld era stato sepolto in una cerimonia privata per pochi familiari e amici, su sua richiesta: «sono contro le commemorazioni e quel genere di roba», aveva detto una volta. «Devi scomparire, semplicemente. Odio i funerali. Non mi piace andarci e non capisco perché dovrei esporre qualcuno a una cosa così orribile».

L’evento di ieri, a più di 4 mesi dalla morte, è stato il primo e unico importante omaggio pubblico, a cui hanno partecipato personaggi del mondo dell’arte, del cinema, della musica e della moda: le sue modelle più amate come Cara Delevingne, stilisti come Valentino Garavani e Ralph Lauren, presidenti e amministratori delegati come Bernard Arnault, fondatore del gruppo del lusso francese LVMH. La sede scelta, il Grand Palais, era il luogo in cui Lagerfeld faceva sfilare le sue collezioni per Chanel; era allestito con sue gigantografie mentre su un grande schermo scorrevano le sue celebri battute: «è importante fare, non aver fatto», per esempio.

Sul palco sono stati mostrati alcuni suoi abiti famosi, si sono esibiti 17 ballerini di tango, l’attrice Tilda Swinton ha letto un passo dell’Orlando di Virginia Woolf, un romanzo particolarmente amato da Lagerfeld, e Cara Delevingne uno scritto da Colette sull’amore per i gatti, per ricordare quello di Lagerfeld per la sua gatta Choupette; l’attrice Fanny Ardant ha letto una poesia di Stéphane Mallarmé e Helen Mirren ha concluso con una carrellata di aforismi tratti dal libro Il mondo secondo Karl. Il pianista cinese Lang Lang ha suonato Chopin, il ballerino Lil Buck si è esibito in un pezzo di streetdance, e infine il musicista Pharrell Williams ha invitato tutti ad alzarsi in piedi per ricordare Lagerfeld durante la canzone Gust of Wind.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.