Maurizio Sarri nella conferenza stampa di presentazione all'Allianz Stadium di Torino (Juventus)
  • Sport
  • giovedì 20 giugno 2019

Il video della presentazione di Maurizio Sarri alla Juventus

Il nuovo allenatore della Juventus è stato presentato questa mattina a Torino

Maurizio Sarri nella conferenza stampa di presentazione all'Allianz Stadium di Torino (Juventus)

Maurizio Sarri, nuovo allenatore della Juventus, è stato presentato ufficialmente alla stampa giovedì mattina presso la sala “Gianni e Umberto Agnelli” dell’Allianz Stadium di Torino. Sarri è stato assunto dalla Juventus domenica scorsa, circa un mese dopo la rescissione consensuale con Massimiliano Allegri, l’allenatore vincitore degli ultimi cinque Scudetti. C’era molta curiosità per la conferenza stampa di oggi, dato che la nomina di Sarri – ex allenatore del Napoli, l’ultima grande rivale della Juventus in campionato — segna un netto cambiamento nella direzione del progetto tecnico della squadra campione d’Italia.

La conferenza stampa integrale di Maurizio Sarri:

Sarri ha 60 anni ma è arrivato nel calcio che conta soltanto da poche stagioni: sei anni fa allenava ancora l’Empoli in Serie B. Ex impiegato di un istituto bancario, negli anni Novanta, influenzato dal Milan di Arrigo Sacchi, iniziò ad allenare piccole squadre toscane. Rimase a lavorare nel calcio locale per un decennio, prima di iniziare ad allenare tra la Serie C e la Serie B. Nel 2012 fu assunto in Serie B dall’Empoli, squadra con la quale ottenne la promozione due anni dopo. Grazie alla sua impressionante prima stagione in Serie A, il Napoli decise di ingaggiarlo nel 2015: nei tre anni successivi, con lui, divenne la squadra più spettacolare del campionato italiano. Nel 2018, dopo non essere riuscito a vincere lo Scudetto, Sarri lasciò Napoli per andare in Inghilterra ad allenare il Chelsea. Nell’unico anno passato lì ha riportato la squadra in Champions League e ha vinto il suo primo importante trofeo, l’Europa League.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.