• Italia
  • mercoledì 19 giugno 2019

Il Messaggero vuole le dimissioni di Virginia Raggi

Un durissimo editoriale del direttore descrive «un fallimento da cui trarre, a questo punto e dopo tanta pazienza, le definitive conclusioni»

Virginia Raggi. (Andrea Ronchini/Pacific Press via ZUMA Wire)

Oggi sul Messaggero un editoriale firmato dal direttore, Virman Cusenza, mette in fila una serie di fatti e giudizi severissimi sulle condizioni di Roma, e si conclude chiedendo alla sindaca Virginia Raggi – giunto al terzo anno del suo mandato – di dimettersi. Il Messaggero è uno storico quotidiano nazionale ed è il più venduto e popolare a Roma. «La catastrofe agli occhi di tutti appare ormai inarrestabile», scrive Cusenza, che prosegue raccontando i molti gravi problemi della città, molti dei quali visibili a occhio nudo: i cumuli di rifiuti a ogni angolo della strada, per esempio, e lo stato penoso del trasporto pubblico. «Stiamo parlando di un fallimento da cui trarre, a questo punto e dopo tanta pazienza, le definitive conclusioni», conclude Cusenza. «Bisogna solo, in un sussulto di responsabilità, passare la mano».

Morte di una città. Troppe volte ne abbiamo raccontato la crisi e il declino. Troppe ci siamo fatti interpreti del disagio e dello sconforto dei romani davanti allo sfacelo di tutti i giorni, ma questa volta – a tre anni dall’elezione della Raggi – non basta più: la catastrofe agli occhi di tutti appare ormai inarrestabile. La caduta di Roma la tocchiamo con mano uscendo di casa ogni mattina: ci inghiottono le voragini stradali, montagne di rifiuti ostruiscono spazi pubblici destinati alla vivibilità.

Se si è miracolosamente scampati agli incendi dei bus o alla rovinosa caduta delle scale mobili della metro, è impossibile persino sbarcare nel centro della Capitale – come avviene in qualsiasi metropoli anche meno maestosa di Roma – per le stazioni chiuse. Gli alberi che cadono sulle auto, se non sulla testa dei passanti, sono un altro capitolo dell’insicurezza in cui i cittadini sono stati precipitati. Interi quartieri, spesso il cuore di Roma – ma nelle periferie lo sfascio è identico a dispetto della retorica pre-elettorale che le ha strumentalizzate – sono abbandonati alle loro emergenze inevase. E non parliamo soltanto delle panchine divelte, delle ciclabili interrotte o dei marciapiedi ridotti a trincee di guerra o delle caditoie ostruite che provocano laghi artificiali o paludi. O i rami potati, quelli sbagliati però, perché quelli malati e pericolosi restano incredibilmente intonsi. Tutto questo nel suk irrisolto del commercio straccione tra camion bar di ritorno, ambulanti inamovibili, bancarelle che ostruiscono il passaggio e oscurano le meraviglie di Roma.

(continua a leggere sul sito del Messaggero)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.