Sara Gama e Marta da Silva prima del calcio d'inizio (Tullio M. Puglia/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 18 giugno 2019

L’Italia si è qualificata agli ottavi dei Mondiali da prima classificata

La Nazionale femminile di calcio ha mantenuto il primo posto nel Gruppo C nonostante sia stata battuta 1-0 dal Brasile

Sara Gama e Marta da Silva prima del calcio d'inizio (Tullio M. Puglia/Getty Images)

La Nazionale femminile di calcio è stata battuta 1-0 dal Brasile nel terzo e ultimo turno della fase a gironi dei Mondiali in Francia. L’Italia era già qualificata agli ottavi di finale dal turno precedente, ma ha provato ugualmente a vincere la sua terza partita consecutiva: è stata però battuta con un calcio di rigore segnato dalla brasiliana Marta da Silva a un quarto d’ora dalla fine.

Nonostante la sconfitta, l’Italia è riuscita a mantenere il primo posto nel suo girone: agli ottavi eviterà quindi le nazionali favorite e incontrerà la Nigeria o la Cina, due squadre ampiamente alla portata. Nell’altra partita del Gruppo C, giocata in contemporanea, l’Australia ha battuto 4-1 la Giamaica ottenendo la qualificazione agli ottavi da seconda del girone: incontrerà la Norvegia.

La classifica finale del Gruppo C:

1) ?? Italia 6 (+5) ✅
2) ?? Australia 6 (+3) ✅
———————————————
3) ?? Brasile 6 (+3) ✅
4) ?? Giamaica 0 (-11)

Secondo le regole della fase a gironi, si qualificano agli ottavi di finale le prime due nazionali di ciascun girone più le quattro migliori terze. Al termine dei gironi verranno quindi eliminate le ultime e due fra le terze classificate.

Per ora ci sono quattordici qualificate con un turno di anticipo: Francia, Norvegia, Germania, Spagna, Cina, Italia, Australia, Brasile, Inghilterra, Giappone, Olanda, Canada, Svezia e Stati Uniti. Entro giovedì si conosceranno le altre nazionali che andranno a completare il tabellone della fase a eliminazione diretta, che inizierà sabato 22 giugno. L’Italia tornerà a giocare martedì 25 alle 18.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.