• Mondo
  • giovedì 13 giugno 2019

Il presidente del Messico userà il ricavato della vendita dell’aereo presidenziale per combattere l’immigrazione illegale

Il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador (conosciuto come AMLO) ha detto che userà il ricavato della vendita dell’aereo presidenziale, un Boeing 787 Dreamliner, per combattere l’immigrazione illegale. La decisione è arrivata dopo l’importante accordo, raggiunto lo scorso sabato, con gli Stati Uniti: questi ultimi rinunceranno ad aumentare le tariffe del 5 per cento sulle merci importate dal Messico, che adotterà in cambio misure più drastiche per ridurre il flusso migratorio attraverso il confine tra i due Paesi.

Durante la campagna elettorale Obrador, di sinistra e populista, aveva promesso di vendere l’aereo per aiutare i più poveri e di viaggiare su voli commerciali. L’aereo, che aveva acquistato nel 2016 per 192 milioni di euro, è in vendita da mesi a 132 milioni di euro e al momento si trova in un hangar in California; il Messico sta cercando di vendere anche altri 60 aerei e 70 elicotteri governativi.

Andrés Manuel López Obrador (Sandy Huffaker/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.