Barbara Bonansea esulta dopo il gol segnato all'Australia (Tullio M. Puglia/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 9 giugno 2019

L’Italia ha battuto 2-1 l’Australia nell’esordio ai Mondiali femminili

Al gol di Samantha Kerr nel primo tempo ha risposto Barbara Bonansea con una doppietta nella ripresa

Barbara Bonansea esulta dopo il gol segnato all'Australia (Tullio M. Puglia/Getty Images)

L’Italia ha battuto 2-1 in rimonta l’Australia nella partita d’esordio ai Mondiali femminili in Francia. Allo stadio du Hainaut di Valenciennes, davanti a circa 15.000 spettatori, l’Australia è andata in vantaggio alla mezzora del primo tempo con l’attaccante Samantha Kerr — una delle giocatrici più attese del torneo — che ha sbagliato un calcio di rigore segnando però in ribattuta dopo la parata del portiere Laura Giuliani. Venti minuti prima era stato annullato un gol per fuorigioco a Barbara Bonansea.

Anche dopo essere passata in svantaggio, l’Italia è rimasta comunque in partita e ha segnato il gol del pareggio nel secondo tempo, sempre con Bonansea, brava a recuperare il pallone in fase di costruzione dall’incerta difesa australiana. La partita è proseguita poi con continui cambi di fronte, dove però entrambe le squadre hanno commesso diverse imprecisioni. L’Italia ha infine segnato il gol della vittoria al quinto minuto di recupero con un colpo di testa di Bonansea, inevitabilmente la migliore in campo. Una sintesi della partita si può vedere qui.

Per la Nazionale allenata da Milena Bertolini il Mondiale è iniziato quindi con una vittoria meritata contro una delle grandi favorite del torneo. Era peraltro il ritorno dell’Italia nella fase finale di un Mondiale femminile dopo vent’anni di assenza: tutte le convocate sono debuttanti e per questo si temeva un contraccolpo, almeno all’esordio, cosa che però non è successa. Con la vittoria contro l’Australia, l’Italia è momentaneamente prima nel Gruppo C in attesa di Brasile-Giamaica, in programma alle 15.30 a Grenoble.

L’australiana Lisa De Vanna dopo il gol della vittoria segnato dall’Italia (Robert Cianflone/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.