• Sport
  • giovedì 6 giugno 2019

Le foto e le storie del Roland Garros

Domani si giocano le semifinali: tra gli uomini ci sono sempre i soliti ultra trentenni, tra le donne molte tenniste giovani

Tre dei quattro semifinalisti del torneo maschile del Roland Garros, il più importante al mondo giocato sulla terra rossa, sono tennisti che avreste potuto trovare nello stesso posto anche dieci anni fa: Roger Federer (37 anni, quasi 38), Rafael Nadal (33 anni, appena compiuti) e Novak Djokovic (32 anni a maggio). Quello del mancato ricambio generazionale nel giro dei tennisti più forti è stato un po’ il grande tema del tennis maschile del 2018 e per ora sembra che lo sarà anche per tutto quest’anno: dei giovani forti-e-promettenti è rimasto in gara solo il 25enne austriaco Dominic Thiem, numero 4 al mondo; l’altro giovane forte-e-promettente, il tedesco Alexander Zverev, è invece stato eliminato proprio da Djokovic, nei quarti di finale. Le due semifinali del singolare maschile saranno quindi Federer-Nadal e Djokovic-Thiem: e si giocheranno entrambe venerdì pomeriggio.

Le cose sono abbastanza diverse nel tennis femminile: nessuna delle quattro semifinaliste del torneo ha più di 28 anni; due hanno meno di 20 anni. La più giovane è la statunitense Amanda Anisimova, che ha 17 anni, è la numero 51 al mondo ed è alla prima semifinale del Roland Garros (e la seconda in un torneo del Grande Slam dopo quella agli Australian Open giocata pochi mesi fa); giocherà venerdì contro la 23enne australiana Ashleigh Barty, numero 8 al mondo, che quest’anno è arrivata ai quarti di finale degli Australian Open. L’altra semifinale, che sarà giocata anch’essa venerdì, sarà invece tra la britannica Johanna Konta, 28 anni, numero 26 al mondo, e Markéta Vondrousova, 19enne ceca, numero 38 al mondo, che non era mai arrivata così avanti in un torneo importante. Le prime della classifica mondiale, Naomi Osaka, Karolina Pliskova e Simona Halep sono state eliminate: Halep ha perso contro Anisimova ai quarti; Osaka e Plisova sono uscite ai 16esimi, come anche Serena Williams.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.