• Mondo
  • mercoledì 5 giugno 2019

La storia della morte della diciassettenne olandese Noa Pothoven

Una ragazza si è lasciata morire dopo aver subìto anni di violenze, e dopo che la sua richiesta per un suicidio assistito era stata respinta

Una ragazza olandese di 17 anni che era stata ripetutamente aggredita sessualmente da bambina è morta domenica scorsa ad Arnhem, nei Paesi Bassi. Il giornale olandese AD scrive che la notizia è stata confermata dalla sorella. Nonostante molti giornali italiani abbiano dato grande spazio alla storia sulle loro prime pagine e parlino di “eutanasia” – che nei Paesi Bassi è legale anche per persone con disturbi mentali e per pazienti minorenni, naturalmente solo a certe condizioni – i giornali olandesi hanno dedicato invece pochissimo spazio alla notizia, e senza molti dettagli: raccontano che Pothoven è morta “in un letto d’ospedale nel salotto di casa sua” ma non parlano né di eutanasia né di suicidio assistito. Per quel che se ne sa adesso, la ragazza aveva smesso di mangiare e di bere, usando i suoi ultimi giorni per salutare la famiglia e le persone a lei care. Non è nemmeno chiaro se Noa Pothoven sia stata accompagnata nella morte con una sedazione profonda, ma se così fosse non sarebbe comunque un’eutanasia avallata legalmente.

Noa Pothoven era una ragazza conosciuta, nel suo paese. Aveva da poco pubblicato un’autobiografia che nei Paesi Bassi aveva ricevuto diversi riconoscimenti, intitolata  “Winnen of leren” (“Vincere o imparare”), in cui raccontava le violenze sessuali che aveva subìto e la sua sofferenza. Pothoven era stata aggredita per la prima volta quando aveva 11 anni durante una festa della scuola, poi di nuovo un anno dopo, ed era stata violentata da due uomini quando aveva 14 anni, in un vicolo della sua città. Di tutto questo non aveva parlato con i suoi genitori «per paura e vergogna», e aveva invece iniziato a scrivere un diario che poi era diventato il libro e in cui racconta che, dopo anni, il suo corpo «si sentiva ancora sporco»: «Rivivo quella paura e quel dolore ogni giorno».

Noa Pothoven soffriva di disturbi da stress post traumatico, depressione, anoressia e autolesionismo: più volte avrebbe tentato il suicidio, secondo i giornali olandesi, e aveva anche smesso di andare a scuola. Lo scorso dicembre il quotidiano locale Gelderlander aveva raccontato la sua storia, fatta di lunghi ricoveri forzati in ospedali e centri specializzati: «Un inferno», aveva scritto la ragazza nella sua autobiografia. Il giornale parla delle decisioni prese in tribunale di mandarla in un centro di cura per impedire che si suicidasse, e delle umiliazioni e delle misure coercitive subite. «Mi sento quasi una criminale, mentre nella mia vita non ho mai rubato nemmeno una caramella da un negozio», aveva scritto. La madre aveva raccontato al giornale che Pothoven era stata ricoverata in tre diversi istituti, ma che in quello più adatto a lei c’erano delle lunghe liste di attesa; e dice anche che a un certo punto la figlia aveva dovuto essere nutrita con un sondino in ospedale per un anno, visto che non voleva bere né mangiare, che era molto sottopeso e che i suoi organi vitali rischiavano di essere compromessi.

Lo scorso dicembre la ragazza aveva contattato autonomamente una clinica specializzata dell’Aja, per sapere se fosse idonea all’eutanasia o al suicidio assistito. Le avevano risposto di no, scrive Gelderlander, riportando le parole della ragazza: «Pensano che io sia troppo giovane per morire. Pensano che dovrei portare a termine il percorso di recupero dal trauma e aspettare che il mio cervello si sviluppi completamente. Non accadrà fino a quando non avrò 21 anni. Sono devastata, perché non posso più aspettare così tanto».

Gelderlander scrive anche che i genitori avevano scoperto della sofferenza della figlia e delle sue intenzioni dopo aver trovato in una busta di plastica, durante le pulizie nella sua stanza, delle lettere di addio indirizzate a loro, ad amici e conoscenti: «Sono rimasta scioccata», ha detto la madre. «Non avevamo capito. Com’è possibile che voglia morire? (…) Solo da un anno e mezzo sappiamo quale segreto ha portato con sé nel corso degli anni», diceva nel 2018.

Poi, su Instagram, Noa Pothoven aveva annunciato di aver smesso di mangiare e di bere perché la sua sofferenza era diventata «insopportabile». I due giornali olandesi che hanno dato notizia della sua morte hanno riportato il testo di quel suo ultimo messaggio, nel frattempo rimosso. La ragazza diceva di aver preso una decisione «definitiva», dopo tante «discussioni e ripensamenti». Scriveva che la sua non era una «decisione impulsiva» e che da molto tempo ormai non era più viva: «Sopravvivo, ma nemmeno quello. Respiro, ma non sono più viva». Infine, aveva annunciato che entro dieci giorni sarebbe morta.

I principali giornali italiani, le agenzie di stampa e alcuni giornali inglesi hanno ripreso la storia di Noa Pothoven sostenendo che la ragazza avesse chiesto e ottenuto di essere sottoposta all’eutanasia, ma è una versione ad oggi senza fondamento, e probabilmente anche per questo motivo i giornali olandesi dedicano minore spazio alla storia, tragica ma che non riguarderebbe l’eutanasia legale. Una prima ricostruzione lascia pensare che la notizia dell'”eutanasia legale” sia stata data dallo screditato tabloid inglese Daily Mail, che è fonte abituale di molti quotidiani italiani: e dai quotidiani italiani stia arrivando in queste ore su altri siti di news internazionali. Mercoledì mattina alcuni giornali italiani, tra cui Repubblica, hanno modificato la versione originale del loro articolo.

***

Dove chiedere aiuto
Se sei in una situazione di emergenza, chiama il 118. Se tu o qualcuno che conosci ha dei pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico allo 199 284 284 oppure via internet da qui, tutti i giorni dalle 10 alle 24.

Puoi anche chiamare i Samaritans al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al 06 77208977 da cellulare, tutti i giorni dalle 13 alle 22.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.