Giuseppe Conte (Ricardo Ceppi/Getty Images)
  • Italia
  • mercoledì 29 maggio 2019

La Commissione Europea ha chiesto chiarimenti all’Italia

È arrivata la lettera che chiede spiegazioni al governo sulla mancata riduzione del debito

Giuseppe Conte (Ricardo Ceppi/Getty Images)

Mercoledì pomeriggio il governo italiano ha ricevuto una lettera della Commissione Europea che chiede chiarimenti sulla mancata riduzione del debito da parte del governo italiano. La lettera, che era attesa ormai da qualche giorno, è firmata dal vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, e dal commissario europeo agli affari economici, Pierre Moscovici.

In sostanza la lettera dice che le previsioni economiche fatte dal governo – e sulle quali si basavano i conti relativi all’ultima legge di bilancio – sono state smentite dai fatti, soprattutto in relazione alla crescita economica, con conseguenze sul deficit e sul debito: e quindi, «alla luce dei dati economici definitivi, è confermato che l’Italia non ha rispettato la regola del debito nel 2018». In aprile il governo aveva già ammesso che le stime fatte a febbraio sulla crescita e sugli effetti delle due misure più importanti – Reddito di cittadinanza e Quota 100 – erano state eccessivamente ottimiste.

Secondo il cosiddetto Fiscal Compact, una serie di leggi europee che traducono quanto scritto nei trattati, ciascuno stato europeo si impegna ad azzerare il proprio debito pubblico a medio-lungo termine e a ridurre al minimo la spesa in deficit, al fine di non mettere in pericolo la stabilità economica dell’intera Unione (le economie dei 28 stati membri hanno dei legami così profondi che qualsiasi crisi nazionale rischia di contagiare diversi altri paesi, come successo con la Grecia). Semplificando moltissimo, la Commissione ritiene che il governo italiano non si sia impegnato a sufficienza per rispettare questi impegni. Secondo i dati di Eurostat, il debito pubblico italiano è passato da 131,4 per cento in rapporto al PIL nel 2017 al 132,2 per cento nel 2018, e potrebbe arrivare al 132,7 per cento nel 2019.

La lettera dà all’Italia 48 ore per spiegare le ragioni della violazione delle norme dell’Unione Europea. La Commissione Europea si riunirà mercoledì della prossima settimana per discutere una eventuale procedura d’infrazione contro l’Italia. Nei giorni scorsi Matteo Salvini – vicepresidente del Consiglio, ministro dell’Interno e leader della Lega, reduce da un grande successo alle elezioni europee – davanti ai giornalisti aveva più volte liquidato la lettera e la richiesta di chiarimenti da parte della Commissione Europea.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.