• Mondo
  • lunedì 20 maggio 2019

Il nuovo presidente ucraino ha già sciolto il Parlamento

L'ex attore comico Volodymyr Zelensky ha annunciato elezioni anticipate nel discorso di inaugurazione: il suo partito in quello attuale non è rappresentato

(AP Photo/Efrem Lukatsky)

Volodymyr Zelensky, che oggi si è ufficialmente insediato come nuovo presidente ucraino, ha già convocato le elezioni anticipate, con l’obiettivo di ottenere la maggioranza al Parlamento, ancora controllato dalle forze fedeli al suo predecessore Petro Poroshenko. Quella di sciogliere la Verchovna Rada, l’unica camera del Parlamento ucraino, era stata una promessa di Zelensky fin dalla campagna elettorale: ma la sua decisione, annunciata proprio durante il discorso di insediamento, è stata comunque una sorpresa. Le elezioni anticipate si sarebbero dovute tenere a ottobre, mentre ora dovranno essere organizzate entro due mesi.

Zelensky aveva vinto le elezioni ucraine lo scorso aprile con oltre il 70 per cento dei voti, dopo aver attirato le attenzioni di tutta l’Europa in campagna elettorale. È infatti un ex attore comico, senza esperienza politica e conosciuto per una serie tv che racconta la storia di un comune insegnante di storia che finisce per essere eletto presidente un po’ per caso. Ha condotto una campagna elettorale dai toni populisti e incentrata sulla lotta alla corruzione e al potere degli oligarchi, che in Ucraina sono da sempre molto influenti. Lo stesso Zelensky, in realtà, è meno lontano dalle élite del paese di quanto abbia fatto credere.

Il suo partito, che prende il nome dalla serie tv nella quale recitava, Servitore del popolo, non è rappresentato nell’attuale Parlamento, che era stato eletto nel 2014. La scorsa settimana, la coalizione di forze che sostenevano Poroshenko si era rotta, e si era parlato della possibilità che Zelensky ne cercasse una nuova ancora in questa legislatura. Ha invece annunciato lo scioglimento della Rada, chiedendo però che nei rimanenti due mesi i deputati approvino due leggi: una per rinunciare all’immunità, l’altra contro i parlamentari che si arricchiscono illegalmente. Nel suo discorso di insediamento, Zelensky ha indicato come priorità quella di riportare la pace nell’est del paese, dove da anni è in corso un conflitto contro le forze filorusse.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.