Al Salone del Libro di Torino, il 9 maggio 2019 (ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Cosa vedere al Salone del Libro nel weekend

Una selezione di eventi interessanti dal (lungo) programma per sabato e domenica, a Torino

Al Salone del Libro di Torino, il 9 maggio 2019 (ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Sabato e domenica sono sempre i giorni più affollati al Salone del Libro di Torino, e anche quelli in cui il programma è più ricco di eventi a cui partecipano scrittori affermati: per questo districarsi tra la folla e le diverse conferenze può essere complicato e stancante. Per quelli che saranno al Salone ma non hanno avuto il tempo di studiarsi il programma, abbiamo messo insieme una selezione di eventi interessanti tra quelli del weekend. Sono divisi tra sabato mattina, sabato pomeriggio e domenica. L’unica cosa difficile che vi resterà da fare è scegliere tra quelli in contemporanea.

Qui invece potete leggere il programma completo in PDF e da qui potete cercare evento per evento sul sito del Salone. Un consiglio: la mappa degli espositori e delle sale è utile.

Sabato 11 maggio al Salone del Libro – Mattina

10.30 –  Il famoso divulgatore Alberto Angela presenterà Cleopatra, il suo ultimo libro, che parla proprio di quello che potete immaginare. Nella sala oro.

11.00 – Il giornalista Roberto Saviano parlerà con la giornalista turca Ece Temelkuran: il titolo dell’evento è “Addio alla democrazia”. All’arena Robinson.

11.30 – La giornalista di Internazionale Annalisa Camilli presenterà il suo libro dedicato alle migrazioni nel Mediterraneo, La legge del mare.

11.30 – La scrittrice Elena Stancanelli parlerà del suo libro dedicato alle navi delle ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo, Venne alla spiaggia un assassino, insieme all’ex senatore Luigi Manconi e allo scrittore Sandro Veronesi. Al caffè letterario.

11.30 – L’illustratrice giapponese Yoshiko Noda (nota come Yocci) presenterà Il menu di Yocci. Taccuino di ricette giapponesi con Aya Yamamoto, che insieme a sua madre gestisce la Gastronomia Yamamoto, un ristorante giapponese diverso dai soliti di Milano. Nella sala Atlantide.

11.30 – Letture di Neri Marcorè dai libri dello scrittore premio Nobel Gabriel García Márquez. Nella sala rossa.

12.00 – Uno degli eventi più interessanti, anche solo per farsi un’idea: Matthew Salinger, il figlio di J.D. Salinger, l’autore di Il giovane Holden, parlerà con la scrittrice Loredana Lipperini di suo padre, che quest’anno avrebbe compiuto 100 anni. Nella sala azzurra.

12.00 – La scrittrice Daria Bignardi parlerà di Rosa Luxemburg, la rivoluzionaria comunista tedesca che fu uccisa a Berlino nel 1919. L’orma editore ha da poco pubblicato una sua raccolta di lettere. Nella sala granata.

12.00 – Un incontro su come le democrazie si trasformano in dittature con lo storico britannico Donald Sassoon, autore di Sintomi morbosi, ed Ece Temelkuran, che invece parlerà di Come sfasciare un paese in sette mosse. Nella sala blu.

12.00 – Lo scrittore tedesco Daniel Kehlmann presenterà Il Re, il cuoco e il buffone, il suo nuovo romanzo che racconta la storia di un bambino il cui padre viene bruciato sul rogo nell’Europa del Seicento. Nella sala internazionale.

13.30 – Il sindacalista italo-ivoriano Aboubakar Soumahoro, autore di Umanità in rivolta, parlerà con il sindaco di Riace Mimmo Lucano delle rispettive esperienze con i braccianti e i migranti. Nella sala oro.

13.30 – Il fumettista americano Jason Lutes, autore del fumetto sulla Repubblica di Weimar Berlin, dialogherà col giornalista Luca Valtorta. Nell’arena Robinson.

Sabato 11 maggio al Salone del Libro – Pomeriggio

14.30 –  Il giornalista e scrittore Michele Serra presenterà il suo nuovo romanzo, Le cose che bruciano, di cui potete leggere un estratto qui, con Giacomo Papi. Nella sala rossa.

16.00 – Un altro incontro in cui si parlerà dei migranti che attraversano il Mediterraneo, ma anche della Libia: Roberto Saviano presenterà In mare non esistono taxi. Nella sala oro.

16.00 – In questo incontro invece si parlerà di transumanisti, cioè quegli scienziati ed esperti di tecnologia che lavorano per allungare la vita umana (o cose simili, a tratti inquietanti): il giornalista irlandese Mark O’Connell presenterà il suo Essere una macchina. Nella sala azzurra.

16.00Aboubakar Soumahoro parlerà di lavoro insieme alla scrittrice Michela Murgia. All’arena Robinson.

16.30 – Lo scrittore Marco Missiroli presenterà Fedeltà, il suo romanzo semifinalista al premio Strega. Nella sala rossa.

17.30 – L’antropologa forense e medica legale Cristina Cattaneo presenterà Naufraghi senza volto, il suo libro sul lavoro di riconoscimento dei cadaveri dei migranti morti nel Mediterraneo. Nella sala rossa.

18.30 – La giallista svedese Camilla Läckberg presenterà La gabbia dorata, il primo romanzo di una nuova serie noir. Nella sala azzurra.

18.30 – Lo scrittore Antonio Scurati presenterà M. il figlio del secolo (un altro semifinalista allo Strega, qui potete leggerne l’incipit) insieme a Francesco Piccolo. Nella sala rossa.

18.30Michela Murgia presenterà Noi siamo tempesta, una raccolta di storie di eroismo collettivo. All’arena Bookstock.

18.30 – Lo scrittore Giacomo Papi, peraltro blogger del Post, presenterà Il censimento dei radical chic, di cui qui potete leggere un estratto. Nella sala viola.

19.00Jovanotti parlerà del suo modo di fare cultura. Nella sala oro.

Domenica 12 maggio al Salone del Libro

12.30 – Se avete la curiosità di vedere Pippo Baudo fuori dalla TV, presenterà Ecco a voi. Una storia italiana con il co-autore Paolo Conti e la scrittrice Valeria Parrella. Nella sala rossa.

13.00 – Lo scrittore inglese Matt Haig presenterà il suo libro sull’ansia Vita su un pianeta nervoso (di cui qui potete leggere un estratto) con Luigi Di Capua dei The Pills e l’autrice web Irene Graziosi. Nella sala azzurra.

14.30 – Lo scrittore Claudio Magris presenterà la sua nuova raccolta di racconti Tempo curvo a Krems con Ernesto Ferrero, ex direttore del Salone del Libro. Nella sala oro.

14.30 – Il giornalista e politologo francese Bernard Guetta presenterà I sovranisti con il direttore della Stampa Maurizio Molinari. Nella sala rossa.

14.30 – Lo scrittore austriaco Robert Menasse presenterà Un messaggero per l’Europa e il romanzo La capitale (di cui potete leggere un estratto qui): il primo è un pamphlet in cui sono rovesciati i luoghi comuni sull’Unione Europea. Nella sala blu.

14.30 – La giornalista Annalena Benini presenterà I racconti delle donne, la raccolta di racconti di autrici come Dorothy Parker, Natalia Ginzburg, Marguerite Yourcenar e Alice Munro che ha curato per Einaudi. Al Caffè Letterario.

15.30 – Un incontro intitolato “L’amica geniale, dal libro alla serie” con il regista Saverio Costanzo, la moderazione del critico Goffredo Fofi, le letture di Alba Rohrwacher e l’introduzione di Tiziana de Rogatis, un’esperta delle opere di Elena Ferrante. Nella sala oro.

15.30 – L’attivista rom rumeno Valeriu Nicolae (che potreste aver letto su Internazionale) parlerà del suo libro La mia esagerata famiglia rom, nella sala Romania.

16.00 – La giornalista e scrittrice Concita De Gregorio presenterà il suo nuovo romanzo Nella notte, nella sala azzurra.

16.30 – Presentazione di Io Khaled vendo uomini e sono innocente di Francesca Mannocchi (qui un estratto) e Da un altro Mondo di Evelina Santangelo. Nella sala viola.

17.30 – Il fumettista francese Joann Sfar parlerà con Zerocalcare del lavoro di fumettista. All’arena Bookstock.

17.30 – Gli scrittori Michele Mari e Walter Siti saranno intervistati dal critico Carlo Mazza Galanti, che da un’altra conversazione sulla scrittura e sulla letteratura con loro ha tratto Scuola di demoni. Nella sala blu.

18.30 – Lo scrittore nigeriano premio Nobel Wole Soyinka parlerà di Ode laica per Chibok e Leah, la sua raccolta di poesie contro le violenze di Boko Haram. Nella sala azzurra.

18.30 – Lo scienziato Peter Wadhams, capo del gruppo di ricerca in fisica degli oceani polari all’Università di Cambridge, parlerà del suo saggio Addio ai ghiacci. Rapporto dall’Artico nello spazio Marche.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.