• Mondo
  • venerdì 19 aprile 2019

Una giornalista è stata uccisa durante scontri tra manifestanti nazionalisti e polizia a Londonderry, in Irlanda del Nord

Giovedì sera a Londonderry, in Irlanda del Nord, ci sono stati scontri tra manifestanti nazionalisti e la polizia, e una giornalista di 29 anni che stava seguendo i disordini è stata uccisa da alcuni colpi d’arma da fuoco: la polizia ha detto che sta trattando la morte della donna come “un incidente terroristico”. Nelle proteste i manifestanti hanno anche lanciato alcune bottiglie molotov contro i veicoli della polizia, incendiandoli. Le proteste erano cominciate dopo che la polizia aveva iniziato a perquisire alcune case della città in relazione alle indagini sull’esplosione di una bomba in un’auto lo scorso gennaio. Si sospetta che i responsabili della morte della giornalista siano dissidenti repubblicani di un gruppo che si ispira all’IRA, l’organizzazione armata oggi non più in attività che lottava per l’indipendenza irlandese. Potrebbe essere lo stesso gruppo che negli scorsi mesi aveva anche rivendicato alcuni pacchi incendiari trovati a Londra e Glasgow.

(Niall Carson/PA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.