Notre-Dame, Parigi, 16 aprile (Dan Kitwood/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 16 aprile 2019

Le foto di martedì di Notre-Dame

I vigili del fuoco al lavoro, i danni visibili all'esterno e le persone intorno alla famosa cattedrale di Parigi

Notre-Dame, Parigi, 16 aprile (Dan Kitwood/Getty Images)

Martedì mattina il grande incendio che ha bruciato parte della cattedrale di Notre-Dame di Parigi è stato completamente spento, dopo che la situazione era sotto controllo fin dalla tarda notte di lunedì. Dalle agenzie fotografiche continuano ad arrivare immagini della cattedrale che mostrano i danni più visibili dall’esterno, insieme alle foto dei vigili del fuoco al lavoro e delle persone che si radunano nelle vicinanze della cattedrale, simbolo di Parigi e una delle chiese più famose e visitate al mondo.

Il Post segue gli aggiornamenti con un liveblog, qui.

La cattedrale ha subìto gravi danni che richiederanno un lungo lavoro di ricostruzione e restauro. Finora si sa che la grande guglia e due terzi del tetto sono andati distrutti e da martedì mattina si stanno valutando quali siano i danni interni e alla struttura, che comunque ha retto. Le opere d’arte conservate nella cattedrale si sono salvate. La procura di Parigi ha aperto un’indagine per incendio colposo: il sospetto è che le fiamme si siano sviluppate tra i ponteggi allestiti per il restauro della guglia di Notre-Dame, crollata nella serata di ieri proprio a causa dell’incendio.

Le prime foto dall’interno di Notre-Dame dopo l’incendio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.