• Mondo
  • martedì 16 aprile 2019

Le prime foto dall’interno di Notre-Dame dopo l’incendio

Si sa ancora poco dei danni interni, ma si è aperto un buco nella volta in pietra della cattedrale

(Philippe Wojazer/Pool via AP)

Martedì mattina il grande incendio che ha bruciato parte della cattedrale di Notre-Dame di Parigi è stato completamente spento, hanno detto i vigili del fuoco: la situazione era sotto controllo fin dalla tarda notte di lunedì. Nella notte il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato con i vigili del fuoco e ha fatto un sopralluogo nella cattedrale: sappiamo ancora poco dei danni all’interno di Notre-Dame, ma l’ex ministra della Cultura francese Françoise Nyssen ha confermato che si è aperto un buco nella volta in pietra, all’altezza del transetto (il corridoio che taglia perpendicolarmente le navate), come si vede dalle prime foto arrivate finora.

Il Post segue gli aggiornamenti con un liveblog, qui.

Le opere d’arte conservate nella cattedrale si sono salvate, ma probabilmente si capirà realmente l’entità dei danni all’interno di Notre-Dame soltanto nella giornata di martedì. La grande guglia e due terzi del tetto sono andati distrutti nella serata di lunedì, quando per un po’ si era pensato potesse bruciare l’intera cattedrale: non è stato così, anche se, dopo diversi annunci ottimisti fatti lunedì sera, martedì mattina Laurent Nuñez, segretario di Stato al ministero dell’Interno, ha detto che ci sono dubbi «su come resisterà la struttura». La procura di Parigi ha aperto un’indagine per incendio colposo, e la polizia si sta concentrando sull’ipotesi che il fuoco sia cominciato per via dei lavori di restauro che erano in corso intorno alla guglia. Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che la cattedrale verrà ricostruita, ed è già stata aperta una raccolta fondi per finanziare i lavori.

Le foto dell’incendio a Notre-Dame

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.