Il Museo nazionale del Qatar, Doha, 27 marzo (Sharil Babu/picture-alliance/dpa/AP Images)

Le foto del Museo nazionale del Qatar

Disegnato dall'architetto francese Jean Nouvel ha una forma che si ispira a una rosa del deserto

Il Museo nazionale del Qatar, Doha, 27 marzo (Sharil Babu/picture-alliance/dpa/AP Images)

Ha aperto a Doha il Museo nazionale del Qatar, realizzato dall’architetto francese Jean Nouvel ispirandosi alla forma di una rosa del deserto, una formazione rocciosa di cristalli di gesso che si forma appunto in zone desertiche. L’inaugurazione ufficiale è stata ieri 27 marzo – c’erano, tra gli altri, Johnny Depp, Victoria Beckham e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy – dopo circa 18 anni tra ideazione, lavori, progettazione e ritardi e da oggi 28 marzo sarà aperto al pubblico.

Lo spazio espositivo comprende 11 gallerie che si sviluppano per un chilometro e mezzo ed è stato diviso in tre spazi tutti dedicati alla storia del Qatar: “Inizio”, “Vita in Qatar” e “Costruire la nazione”, che raccontano il paese da varie prospettive, dalla storia naturale alla fauna, l’archeologia, le tradizioni culturali e la pesca di perle, ma anche la scoperta di petrolio e gas naturale.

Jean Nouvel è un importante architetto contemporaneo: già vincitore del Premio Pritzker, il più importante riconoscimento internazionale per l’architettura, è conosciuto tra le altre cose per il museo del Louvre di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, e per la Philarmonie di Parigi. Il progetto che ha pensato per il Museo nazionale del Qatar è formato da diversi dischi color sabbia rivestiti da pannelli in calcestruzzo rinforzato con fibra di vetro, e la struttura si sviluppa intorno a un importante palazzo storico che ospitava il Museo del Qatar e in passato era stato la residenza dello sceicco Abdullah bin Jassim Al Thani.