• Mondo
  • martedì 26 marzo 2019

I curdi siriani hanno chiesto la creazione di un “tribunale internazionale” per processare i sospetti miliziani dell’ISIS

I curdi siriani hanno chiesto formalmente la creazione di un “tribunale internazionale” con sede nel nordest della Siria per processare i sospetti miliziani dello Stato Islamico (o ISIS) e assicurare procedimenti «condotti in maniera giusta e in conformità con il diritto internazionale, le convenzioni e le carte sui diritti umani». I miliziani dell’ISIS che si trovano nelle carceri curde del nordest della Siria sono migliaia. Molti di loro sono “foreign fighters”, combattenti stranieri che erano partiti per la Siria per combattere con lo Stato Islamico e che poi si sono arresi o sono stati catturati.

Oggi i governi dei loro paesi di provenienza non li vogliono rimpatriare, perché temono di non avere leggi adeguate per processarli e hanno paura che a causa dall’addestramento militare ricevuto possano diventare un pericolo alla sicurezza nazionale; allo stesso modo i curdi hanno già detto di non avere le risorse per farsi carico di tutti i processi. La creazione di un “tribunale internazionale” potrebbe essere il modo più adatto per risolvere la situazione, sostengono i curdi siriani.

(John Moore/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.