(Rob Kim/Getty Images for Tumblr)

Tumblr senza il porno non è più Tumblr

In tre mesi, da quando ha vietato la pubblicazione di contenuti per adulti, ha perso circa il 30 per cento del suo traffico mensile

(Rob Kim/Getty Images for Tumblr)

A partire dallo scorso 17 dicembre Tumblr, una popolare piattaforma di “microblog” di proprietà di Yahoo, ha rimosso tutti i contenuti pornografici che ospitava, pubblicati dagli utenti. La decisione era stata presa dopo che a novembre l’app del sito era stata cancellata dall’App Store di Apple, in seguito alla scoperta che alcuni contenuti pedopornografici avevano superato il sistema che filtra cosa è vietato pubblicare sul sito.

La società decise di rimediare modificando radicalmente il suo regolamento e impedendo agli utenti di pubblicare materiale pornografico di qualsiasi tipo, foto di genitali, foto di donne con i capezzoli scoperti, e qualsiasi video, illustrazione o gif che potesse essere considerata “per adulti”. Sono state escluse dal divieto le immagini artistiche (a meno che non mostrino atti sessuali), le immagini a scopo di protesta politica, le foto di bambini appena nati e le foto di donne che allattano al seno.

Quando il divieto era stato annunciato diversi utenti avevano protestato, minacciando di lasciare Tumblr per passare ad altre piattaforme simili, ma gli effetti del cosiddetto porn ban – e quindi anche la dimensione dei contenuti porno sul totale dei contenuti pubblicati dagli utenti su Tumblr – si stanno vedendo solamente adesso. Secondo la società di analisi del traffico dei siti Internet SimilarWeb, in tre mesi il numero di pagine viste è sceso del 30 per cento, passando da 521 milioni a dicembre a 437 milioni a gennaio e a 369 milioni a febbraio. Un portavoce di Tumblr ha commentato questi dati dicendo che la società «ha preso una decisione strategica puntando a una crescita a lungo termine tra altri tipi di utenti: è stata la decisione giusta».

La decisione di vietare il porno su Tumblr era stata molto criticata perché nel corso degli anni le politiche molto liberali del sito avevano permesso di pubblicare pornografia e altri contenuti “per adulti”, facendolo diventare uno dei luoghi principali su Internet dove pubblicare e fruire di contenuti pornografici. Secondo una ricerca del 2017 condotta dall’ISTI-CNR, dall’IMT di Lucca e dai Bell Laboratories degli Stati Uniti, su 130 milioni di utenti di Tumblr, circa un quarto di questi utilizzava la piattaforma per visualizzare contenuti pornografici.

Nonostante Tumblr avesse una solida base di utenti interessati alla pornografia, all’epoca dell’annuncio del divieto il CEO della società, Jeff D’Onofrio, non si mostrò molto preoccupato dalla possibilità di perdere utenti, convinto che la modifica del regolamento non avrebbe causato grandi problemi: «Non mancano di certo i siti su Internet dove trovare contenuti per adulti», scrisse sul suo blog. «Li lasceremo a loro, e concentreremo i nostri sforzi per creare un ambiente il più possibile accogliente per i nostri utenti».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.