(ANSA/PERI - PERCOSSI)

C’è qualcosa di strano nei risultati finali delle primarie del PD

Ogni candidato ha ottenuto un numero di voti assoluti che corrisponde a una percentuale "tonda", senza decimali

(ANSA/PERI - PERCOSSI)

I risultati definitivi delle primarie del Partito Democratico (PD) diffusi domenica, nel corso dell’Assemblea Nazionale del partito che ha ufficialmente eletto Nicola Zingaretti segretario del partito, sembrano il frutto di un calcolo a tavolino più che di una normale distribuzione statistica. Secondo i dati ufficiali diffusi dal partito, infatti, i tre candidati – Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti – hanno raccolto ciascuno un numero di voti assoluti che corrisponde a una percentuale “tonda”, senza decimali.

Secondo i dati del partito Zingaretti ha raccolto 1.035.955 voti, che sono esattamente il 66 per cento del totale. Martina ha ottenuto 345.318 voti, ossia esattamente il 22 per cento, e Giachetti 188.355 voti, cioè il 12 per cento. È un risultato insolito e statisticamente quasi impossibile.

La stranezza di questi dati ha iniziato a essere commentata nel pomeriggio di ieri, mentre in serata il quotidiano Open ha dedicato al caso un articolo in cui ha messo a confronto i dati delle ultime primarie del PD con quelli del 2017 e del 2013. I risultati dell’epoca appaiono molto più “naturali”.

Nel 2017, quando a sfidarsi per la segreteria del Pd c’erano Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano, le percentuali – e in particolare i decimali – di voto risultavano meno prossimi alle unità.

• Renzi: 1.817.412 : 100 = 1.257.091 : x —– x = 69,1692913% (dato ufficiale: 69,17%)
• Orlando:  1.817.412 : 100 = 362.691 : x —– x = 19,9564546% (dato ufficiale: 19,96%)
• Emiliano:  1.817.412 : 100 = 197.630 : x —– x = 10,8742542% (dato ufficiale: 10,87%)

Anche nel 2013, quando in corsa per la segreteria di partito c’erano Renzi, Civati e Cuperlo, i decimali risultavano più “normali”.

• Renzi: 2.805.775 : 100 = 189.5332 : x —– x = 67,5511044% (dato ufficiale: 67,55%)
• Civati:  2.805.775 : 100 = 399.473 : x —– x = 14,237528% (dato ufficiale: 14,24%)
• Cuperlo:  2.805.775 : 100 = 510.970 : x —– x = 18,2113676% (dato ufficiale: 18,21%)

Il Post ha contattato la commissione di garanzia del PD, incaricata di vigilare sulla regolarità delle procedure congressuali, ma per il momento non è stato possibile ricevere una risposta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.