Secondo l’OCSE nel 2019 l’Italia sarà in recessione

L’OCSE, l’organizzazione che raggruppa 35 dei paesi più sviluppati al mondo, ha rivisto al ribasso le stime di crescita dell’economia italiana, prevedendo che l’Italia sarà in recessione anche nel 2019. Secondo il nuovo Interim Economic Outlook, un rapporto sull’economia dei paesi membri dell’organizzazione pubblicato oggi, il PIL dell’Italia si contrarrà dello 0,2 per cento, mentre nel 2020 crescerà dello 0,5 per cento.

È una stima al ribasso rispetto a quella fatta dall’OCSE lo scorso novembre. In quell’occasione, l’organizzazione aveva previsto una crescita dello 0,9 per cento per entrambi gli anni. Le previsioni dell’OCSE arrivano un giorno dopo che l’ISTAT ha appurato che nel quarto trimestre del 2018 il PIL si è contratto dello 0,1 per cento – e non dello 0,2 per cento come stimato in precedenza – confermando quindi che l’Italia è tecnicamente in recessione, per aver avuto due trimestri consecutivi di contrazione del PIL. Anche per gli altri paesi dell’Eurozona si prevede una crescita minore rispetto a quanto preventivato, con un aumento complessivo del PIL dell’1 per cento nel 2019 e dell’1,2 per cento nel 2020.

(Antoine Antoniol/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.