(ANSA/ANGELO CARCONI)

Come votare dall’estero alle elezioni europee 2019

Informazioni e risposte alle domande più frequenti: se non vivete in Italia certe scadenze sono imminenti

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Mancano poco più di tre mesi alle elezioni europee, ma chi vive all’estero e intende votare dovrà quasi certamente attivarsi in queste settimane. L’Unione Europea e il governo italiano hanno pubblicato alcune guide per spiegare cosa bisogna fare per essere iscritti nei registri elettorali, ma le condizioni variano molto a seconda del paese in cui si vive e di quali candidati si vogliano votare, cioè se quelli del paese d’origine o quelli del paese ospite, e se si è iscritti o meno all’AIRE, cioè l’Anagrafe italiani residenti all’estero. Abbiamo messo insieme una breve guida caso per caso.

• Per chi vive in un paese dell’UE, non è iscritto all’AIRE e vuole votare i candidati italiani

È la condizione che richiede il maggior numero di passaggi. Bisogna compilare questo modulo e spedirlo via posta o via posta elettronica certificata all’ufficio consolare italiano del paese ospite, che poi lo inoltrerà al comune di residenza in Italia, con una serie di documenti (qui c’è la lista di quelli che richiede l’ufficio consolare italiano in Spagna). Tutte le richieste devono essere inviate prima del 7 marzo.

Se la richiesta andrà a buon fine, nelle settimane successive si riceverà a casa con una lettera del ministero dell’Interno italiano un certificato elettorale speciale, con l’orario e il luogo dove sarà aperto il seggio speciale nel paese ospite, quasi certamente nell’ambasciata o in un ufficio consolare.

Esempio: se vivete a Utrecht, nei Paesi Bassi, e decidete di votare per i candidati italiani, dovete fare richiesta al comune di residenza in Italia, aspettare che il ministero dell’Interno vi mandi il certificato elettorale speciale, e poi votare nel giorno stabilito nel consolato italiano che verrà indicato: nel caso dei Paesi Bassi, uno fra Amsterdam, Rotterdam o l’Aia.

• Per chi vive in un paese dell’UE, non è iscritto all’AIRE e vuole votare i candidati del paese ospite

Bisogna registrarsi nel posto in cui si vive, con procedure che variano da paese a paese. In alcuni paesi potrebbe essere richiesto un soggiorno minimo di alcuni anni. In questa pagina trovate tutte le indicazioni necessarie.

In Francia occorre registrarsi prima del 31 marzo. In Svezia c’è tempo fino a 30 giorni prima delle elezioni europee, ma è necessario avvertire anche il proprio paese d’origine. Il governo olandese manda una lettera ai residenti europei che votano per la prima volta chiedendogli se intendono votare per i propri candidati o per quelli olandesi (nel caso, si impegnano a spedire la tessera elettorale prima delle elezioni). In Grecia c’è tempo fino al 28 febbraio: per chi vuole votare i candidati greci, è necessario ricordarsi che partecipare alle elezioni è obbligatorio, così come in Belgio, a Cipro e nel Lussemburgo.

• Per chi vive in un paese dell’UE ed è iscritto all’AIRE

Non bisogna fare niente di particolare: chiunque è iscritto nei registri dell’AIRE ha già deciso se votare per i candidati locali o per quelli italiani. Nel primo caso potrà presentarsi al seggio del comune in cui vive, nel secondo riceverà istruzioni per votare nell’ufficio consolare italiano di quel paese, con modalità simili a chi vive all’estero ma non si è registrato all’AIRE. Non è previsto il voto per posta.

• Per chi vive fuori dall’UE

È necessario tornare in Italia per votare, anche chi è iscritto all’AIRE: verrà informato dal ministero: verranno informati dal ministero dell’Interno con una lettera che sarà spedita nelle settimane precedenti alle elezioni europee.

• E chi vive nel Regno Unito?

I circa 700mila residenti italiani nel Regno Unito sono un caso a parte. Molto dipenderà da Brexit: se il Regno Unito uscirà davvero dall’Unione Europea il 29 marzo, con o senza accordo, tutti i residenti italiani – iscritti e non iscritti all’AIRE – per votare alle elezioni europee dovranno necessariamente tornare in Italia, in quanto residenti fuori dall’UE.

Se invece Brexit verrà rimandata, gli iscritti all’AIRE potranno votare i candidati italiani nel consolato italiano di Londra. Chi non è iscritto all’AIRE e intende votare alle elezioni europee in caso di rinvio di Brexit, deve registrarsi per votare seguendo queste istruzioni, emanate dal consolato italiano a Londra, entro il 7 marzo (un paradosso: lo farà senza sapere se Brexit avverrà o meno, visto che probabilmente sarà noto il 12 marzo).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.