Weekly Post #10 – E allora il PD?

Come arriva il Partito Democratico alle primarie del 3 marzo e cosa può succedere nei tre mesi prima delle europee, nella nuova puntata del podcast del Post

Il 3 marzo gli elettori del Partito Democratico voteranno per delle primarie che sembrano avere un esito scontato, e sulle quali l’attenzione dei media e del grande pubblico è piuttosto esigua. Il PD attraversa quello che probabilmente è il momento più difficile della sua storia, e per il partito sarà un gran risultato se andrà a votare un terzo dei 3 milioni e mezzo di persone che elessero Walter Veltroni alle prime, gloriose primarie del 2007. Con Davide De Luca, nella nuova puntata del Weekly Post parliamo di com’è uscito il PD dagli anni di segreteria di Matteo Renzi, ci chiediamo perché il congresso stia attirando così poche attenzioni e proviamo a capire cosa potrà fare il prossimo segretario – con ogni probabilità Nicola Zingaretti – nelle dodici settimane che separano la domenica delle primarie e quella delle elezioni europee. Il Weekly Post è disponibile su Spreakersu Spotifysu iTunes e su Google Podcast.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.