Roberto Formigoni nell'aula del Senato, Roma 17 aprile 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Oggi Formigoni potrebbe andare in carcere

La Cassazione deciderà se confermare, rinviare o annullare la condanna in appello dell’ex presidente della Lombardia a sette anni e mezzo per corruzione

Roberto Formigoni nell'aula del Senato, Roma 17 aprile 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Aggiornamento: la Cassazione ha confermato la condanna a Formigoni.

La Corte di Cassazione deciderà oggi se confermare, annullare o rinviare la condanna subita in appello dall’ex presidente della Lombardia Roberto Formigoni a sette anni e mezzo di carcere per corruzione nell’inchiesta sui fondi neri della Fondazione Maugeri e dell’ospedale San Raffaele di Milano. In primo grado, nel 2016, Formigoni era stato condannato a 6 anni di carcere con l’interdizione dai pubblici uffici; la sentenza era stata confermata in appello, con un aumento della pena. Ora si è arrivati all’ultimo grado di giudizio e in caso di conferma la pena potrebbe diventare esecutiva: a quel punto la Procura di Milano emetterebbe il mandato di arresto.

Secondo l’accusa, tra il 1997 e il 2011 – quando Formigoni era presidente della Lombardia – 61 milioni di euro di fondi della Fondazione Maugeri e del San Raffaele furono sottratti illecitamente e usati per pagare tangenti in cambio di favori e rimborsi ai due enti. Formigoni, tra le altre cose, è accusato di aver ricevuto vacanze gratis e l’uso di un lussuoso yacht in cambio di decisioni favorevoli e rimborsi non dovuti. Nella vicenda erano coinvolti anche l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri Costantino Passerino, l’imprenditore Carlo Farina, l’uomo d’affari Pierangelo Daccò e l’ex assessore regionale Antonio Simone, questi ultimi legati a Formigoni dalla militanza in Comunione e Liberazione e accusati di aver gestito i conti correnti dove venivano versati i fondi sottratti.

In primo grado i pubblici ministeri Antonio Pastore e Laura Pedio avevano chiesto di condannare a 9 anni di carcere Formigoni come «promotore» dell’associazione a delinquere, e per «avere messo a disposizione, assieme ad altri imputati, la sua funzione per una corruzione sistematica nella quale tutta la filiera di comando della Regione è stata piegata per favorire gli enti suoi amici che poi lo pagavano». Il processo era iniziato nel maggio del 2014 e nel dicembre del 2016 Formigoni era stato condannato in primo grado dal tribunale di Milano a 6 anni di carcere, con l’interdizione dai pubblici uffici. I giudici avevano condannato anche Daccò (9 anni e due mesi), Antonio Simone (8 anni e 8 mesi), Costantino Passerino (7 anni) e Carlo Farina (3 anni e 4 mesi). Altri cinque imputati erano stati invece assolti.

In appello, lo scorso settembre, e come richiesto dall’accusa, Formigoni era stato condannato a sette anni e mezzo, un anno e mezzo in più rispetto al primo grado. Nelle motivazioni i giudici avevano spiegato che Formigoni aveva meritato la pena massima prevista perché i fatti avevano «profili di gravità, oggettivi e soggettivi». La condanna di appello aveva confermato per l’ex presidente anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Oggi, giovedì 21 febbraio, l’ultima decisione toccherà alla sesta sezione penale della Corte di Cassazione. La Corte potrebbe accogliere la richiesta di annullamento della sentenza presentata dalla difesa o rinviare il tutto alla Corte di Appello. Si dovrebbero allora celebrare un nuovo processo di secondo grado e poi un’altra Cassazione. «In questo caso», spiega Repubblica, Formigoni «potrebbe contare sulla prescrizione di tutte le accuse che scatterebbe a luglio: in pochi mesi sarebbe molto difficile celebrare un nuovo processo di appello e un nuovo processo di Cassazione».

L’altra ipotesi è che la Cassazione confermi la condanna di appello, tenendo conto però del fatto che una piccola parte delle imputazioni (quella che riguarda il San Raffaele) risulta già prescritta. In questo caso, con la modifica al ribasso della pena per la prescrizione, Formigoni dovrebbe andare in carcere, anche sulla base della nuova “legge anticorruzione” approvata lo scorso dicembre che impedisce la concessione, per questo tipo di reato, di misure alternative al carcere. Avendo più di 70 anni, Formigoni potrebbe in un secondo momento chiedere gli arresti domiciliari, dimostrando che le sue condizioni non sono compatibili con la prigione.