• Mondo
  • mercoledì 6 febbraio 2019

Juan Guaidó ha scritto una lettera a Matteo Salvini e Luigi Di Maio per chiedere di incontrarli

Juan Guaidó, il 35enne presidente dell’Assemblea Nazionale del Venezuela che si è autodichiarato presidente del paese accusando il presidente eletto Nicolás Maduro di essere un «usurpatore», ha scritto una lettera a Matteo Salvini e Luigi Di Maio, chiedendo un incontro a Roma. Guaidó chiede che l’incontro avvenga nel più breve tempo possibile e con una delegazione ufficiale del Parlamento venezuelano. La richiesta di Guaidó arriva pochi giorni dopo che l’Italia aveva fermato una dichiarazione comune dell’Unione Europea per riconoscerlo come presidente ad interim del Venezuela in attesa di nuove elezioni e dopo che il governo italiano aveva espresso posizioni contrastanti sul paese.

Ansa riporta che nella lettera Guaidó ricorda gli «indissolubili legami che uniscono il Venezuela e la Repubblica Italiana» ed esprime profondi sentimenti di riconoscimento verso il ministro dell’Interno Salvini a cui chiede un incontro «per poterle rappresentare la necessità che in Venezuela si possa giungere in tempi rapidi e grazie al sostegno della comunità internazionale, a libere elezioni democratiche».

Juan Guaidó (JUAN BARRETO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.