Jens Kalaene/dpa-Zentralbild/ZB
  • TV
  • martedì 5 febbraio 2019

Chi è e cosa fa Matteo Bocelli, figlio di Andrea Bocelli

Studia al conservatorio di Lucca, ma da qualche anno collabora e duetta con il padre

Jens Kalaene/dpa-Zentralbild/ZB

Matteo Bocelli è figlio del tenore Andrea Bocelli e della sua ex moglie, Enrica Cenzatti. Stasera sarà ospite, insieme al padre, al Festival di Sanremo 2019. È nato nel 1997 e ha due fratelli: Amos, più grande di lui di due anni, e Virginia, nata nel 2012. Matteo Bocelli è iscritto al conservatorio Luigi Boccherini di Lucca e ha iniziato la sua carriera musicale collaborando all’ultimo disco del padre, intitolato , e duettando insieme a lui in numerose occasioni ufficiali e importanti: al Madison Square Garden di New York, al Late Show di Stephen Colbert (quello che una volta conduceva David Letterman), ospite di una trasmissione radio di BBC, solo per citarne alcune occasioni.

In un’intervista, data insieme al padre al Corriere della Sera, Matteo Bocelli ha detto di essere un grande fan del padre e di non sentire la pressione nel percorrere la sua stessa strada, anzi: ritiene che essere figlio d’arte lo abbia facilitato. Nell’intervista Andrea Bocelli racconta invece di come il figlio non cantasse mai in sua presenza perché si vergognava, mentre adesso cantano e studiano molto spesso insieme. Il video del singolo Fall on me, in cui padre e figlio duettano e che ha fatto anche da colonna sonora al film Disney Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni, ha quasi 37 milioni di visualizzazioni su YouTube e il disco da cui è tratto — il primo di inediti di Andrea Bocelli dopo 14 anni — lo scorso novembre è arrivato al primo posto della classifica dei dischi più popolari secondo Billboard, celebre rivista musicale americana.

Tra le cose che Matteo Bocelli ha fatto prima di Sanremo c’è anche un servizio fotografico per Guess, che lo ha voluto come modello in una campagna pubblicitaria insieme a Jennifer Lopez:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.