• Italia
  • domenica 27 gennaio 2019

Tre parlamentari sono saliti a bordo della Sea Watch 3

Sono Nicola Fratoianni, Riccardo Magi e Stefania Prestigiacomo, e hanno fatto arrabbiare Matteo Salvini

Tre migranti a bordo della Sea Watch 3 (FEDERICO SCOPPA/AFP/Getty Images)

Domenica mattina tre parlamentari italiani sono saliti a bordo della nave Sea Watch 3, della ong tedesca Sea Watch, per verificare le condizioni dei 47 migranti soccorsi sabato della scorsa settimana di fronte alle coste libiche (qui il caso dall’inizio, spiegato). La Sea Watch 3 si trova da tre giorni a circa un miglio dalle coste di Siracusa, in Sicilia, per ripararsi dalle cattive condizioni del tempo: non le è stato ancora assegnato un “porto sicuro” dove attraccare.

Arriviamo sulla SeaWatch

Eccoci qua. Nonostante i divieti arriviamo su SeaWatch3.Vi aggiorno. #noostaggi #savinghumans #restiamoumani

Gepostet von Nicola Fratoianni am Sonntag, 27. Januar 2019

I parlamentari saliti a bordo sono Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, Riccardo Magi, deputato di +Europa, e Stefania Prestigiacomo, parlamentare di Forza Italia.

I tre hanno raggiunto la Sea Watch 3 noleggiando un gommone privato, dopo che ieri la Capitaneria di porto aveva impedito loro di raggiungere la nave. Sono saliti a bordo anche la portavoce italiana di Sea Watch Italia, Giorgia Linardi, il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, due avvocati, un medico psichiatra e un membro della missione Mediterranea. I tre parlamentari hanno pubblicato sui rispettivi  profili Facebook le foto scattate a bordo della Sea Watch 3, raccontando le difficili storie di alcuni migranti, molti dei quali prima di tentare la traversata del Mar Mediterraneo erano stati rinchiusi e torturati nei centri di detenzione libici. Hanno chiesto che il governo italiano li faccia sbarcare immediatamente in Italia, vista anche la presenza a bordo di 13 minori, di cui 8 non accompagnati.

In tarda mattinata il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha sostenuto che l’azione dei tre parlamentari fosse una violazione delle leggi italiane e che favorisse l’immigrazione clandestina. Non è chiaro cosa abbia voluto dire precisamente Salvini, o in che modo della salita a bordo sulla Sea Watch 3 possa configurarsi come reato. Riccardo Magi ha risposto dicendo: «Siamo ancora a bordo e intendiamo svolgere le nostre funzioni di parlamentari. Il divieto è illegittimo, non c’è nessun atto che potevano fare per impedirci di salire».

Nelle parole e negli sguardi di questi ragazzi sembra esserci più consapevolezza e memoria che nella politica italiana. #GiornatadellaMemoria#fateliscendere

Gepostet von Riccardo Magi am Sonntag, 27. Januar 2019

I porti italiani continuano intanto a essere chiusi per le navi delle ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo. Sabato Salvini aveva chiesto l’apertura di un’indagine contro Sea Watch per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Aveva detto che c’erano «elementi concreti per affermare che, mettendo a rischio la vita delle persone a bordo, il comandante e l’equipaggio della ong Sea Watch 3 abbiano disubbidito a precise indicazioni che giorni fa li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia), prove che verranno messe a disposizione dell’autorità giudiziaria». Finora non sono emerse pubblicamente prove che sostengano la versione di Salvini, che è in contraddizione con la ricostruzione presentata dalla nave Sea Watch 3.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.