Rai 2 ha mandato in onda un servizio pieno di notizie false sul “signoraggio”

È stato trasmesso nella prima puntata di Povera Patria, che aveva annunciato che avrebbe dato spazio ad informazioni "alternative"

Ieri sera su Rai Due è andata in onda la prima puntata di Povera Patria, un nuovo talk show che nei giorni scorsi era stato presentato come programma di informazione “alternativa”. Nella prima puntata, in effetti, è stato trasmesso un controverso servizio – presentato come un approfondimento oggettivo – sul cosiddetto signoraggio bancario curato da Alessandro Giuli, ex vicedirettore del Foglio e oggi giornalista per Libero.

Quella del signoraggio bancario è considerata una delle teorie complottiste più note al mondo, e prevede in sostanza che l’attività delle banche centrali danneggi i cittadini comuni, anziché fare i loro interessi. In particolare, il servizio ruota intorno al fatto che la Banca d’Italia abbia perso progressivamente la sua indipendenza – prima negli anni Ottanta e poi con l’ingresso nell’euro – e che l’economia italiana abbia ceduto impropriamente parte della sua «sovranità» da quando, in sintesi, la Banca Centrale non può più comprare il debito pubblico italiano in disavanzo e stampare la lira. «Al popolo italiano, al quale secondo la Costituzione appartiene la sovranità, nessuno ha mai chiesto la sua opinione», si conclude il servizio.

Il servizio è stato criticato da diversi economisti e smontato su Repubblica da Flavio Bini. Fra i vari errori, manca totalmente un accenno all’inflazione – che prima delle misure citate nell’articolo era a livelli pericolosamente alti – e agli effetti benefici dell’euro, in particolare l’abbassamento drastico dei tassi di interesse sui titoli del debito pubblico italiano. Nel servizio, inoltre, si dà per scontata una delle notizie false più note sulla Banca d’Italia, cioè la sua presunta natura “privata”.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.