"La favorita"

Gli 8 candidati all’Oscar per il Miglior film

Sei sono già usciti in Italia e due – "La favorita" e "Green Book" – usciranno prima della fine di gennaio

"La favorita"

Nel pomeriggio sono state annunciate le nomination per la 91ª edizione degli Oscar, i più importanti premi di cinema al mondo. Nella categoria più importante, quella per il miglior film, sono stati nominati A Star is Born, BlacKkKlansman, Black Panther, Bohemian Rapsody, La favorita, Green Book, Roma e Vice.

Qui avanti trovate le cose minime da sapere sui film candidati, molti dei quali si sono presi alcune altre importanti nomination. Ci sono anche i trailer e la data d’uscita italiana, se siete tra quelli che vogliono arrivare preparati alla cerimonia, che quest’anno sarà il 24 febbraio.

A Star is Born
(8 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior attrice protagonista, Miglior canzone, Miglior sceneggiatura non originale, Miglior fotografia, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio sonoro)

È il primo film da regista di Bradley Cooper e il primo da attrice protagonista di Lady Gaga, nome d’arte della cantante Stefani Joanne Angelina Germanotta. Cooper, che è anche attore, interpreta un musicista country con molti problemi che decide di aiutare una giovane cameriera ad avere successo nel mondo della musica. È la quarta versione di una storia che era già diventata film nel 1937, nel 1954 e nel 1976. La canzone candidata all’Oscar è “Shallow”.

È uscito in Italia nell’ottobre 2018.


BlacKkKlansman
(6 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura non originale, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio, Miglior colonna sonora originale)

Il regista è Spike Lee ed è un film ispirato a una storia vera, raccontata nel libro Black Klansman. Libro e film parlano di un poliziotto nero e di un poliziotto ebreo che negli anni Settanta, in Colorado, si infiltrarono nel Ku Klux Klan. I due poliziotti sono interpretati da John David Washington e Adam Driver. Per Spike Lee si tratta della prima nomination come miglior regista.

È uscito in Italia a settembre.

Black Panther
(7 nomination: Miglior film, Miglior canzone, Miglior scenografia, Migliori costumi, Miglior colonna sonora originale, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È il diciottesimo film dell’Universo cinematografico Marvel e l’ha diretto Ryan Coogler, il regista di Creed – Nato per combattere. Parla del principe dello stato africano del Wakanda ed è stato il film Marvel più apprezzato dai critici. Il protagonista, Black Panther, è interpretato da Chadwick Boseman, ma nel cast del film ci sono anche Lupita Nyong’o, Martin Freeman, Forest Whitaker e Andy Serkis. Black Panther è il primo film di supereroi a essere stato candidato all’Oscar per il Miglior film.

È uscito in Italia nel febbraio 2018.

Bohemian Rapsody
(5 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È il film sui Queen e in particolare su Freddie Mercury, celebre cantante della band che nel film è interpretato da Rami Malek. Iniziò a dirigerlo Brian Singer (che per questioni tecniche ne risulta ancora come regista) ma il film è stato completato da Dexter Fletcher, dopo che Singer fu licenziato. È il film che nel 2018 ha incassato di più in Italia.

È uscito il 30 novembre ma si fa ancora in tempo a trovarlo in qualche cinema.

La favorita
(10 nomination: Miglior Film, Miglior regia, Miglior attrice protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior scenografia, Miglior fotografia, due candidature per la Miglior attrice non protagonista, Migliori costumi, Miglior montaggio)

È ambientato in Inghilterra all’inizio del Diciottesimo secolo, al tempo della guerra tra Francia e Inghilterra. Quando la regina era Anna ma a governare davvero era la sua amica Lady Sarah. Emma Stone interpreta una nuova cameriera che arriva e inizia a passare sempre più tempo con la regina, interpretata da Olivia Colman. Il regista è Yorgos Lanthimos, noto per aver diretto Il sacrificio del cervo sacro e The Lobster.

Uscirà in Italia il 24 gennaio.

Green Book
(5 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio)

Il regista è Peter Farrelly, noto per film come Scemo & più scemo e Tutti pazzi per Mary. Green Book è tratto da una storia vera e parla dell’amicizia tra un buttafuori/autista italoamericano e il pianista jazz Don Shirley, che deve fare un tour nel sud degli Stati Uniti negli anni Sessanta. Sono interpretati da Viggo Mortensen e Mahershala Ali.

Sarà nei cinema dal 31 gennaio.

Roma
(10 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior attrice protagonista, Miglior film straniero, Miglior sceneggiatura originale, Miglior scenografia, Miglior fotografia, Miglior attrice non protagonista, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È un film messicano, è in bianco e nero e ha molti attori non professionisti. Parla di una famiglia messicana degli anni Settanta che vive a Colonia Roma, un quartiere di Città del Messico, e lo fa attraverso il punto di vista di Cleo, la domestica e tata della famiglia. Alfonso Cuarón è stato personalmente nominato come produttore, regista, sceneggiatore e direttore della fotografia del film.

È su Netflix dal 14 dicembre.

Vice – L’uomo nell’ombra
(8 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior trucco e acconciature, Miglior attore non protagonista, Miglior attrice non protagonista, Miglior montaggio)

L’ha diretto Adam McKay, il regista di La grande scommessa e parla di Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti quando il presidente era George W. Bush. Cheney, uno dei vicepresidenti più influenti della storia recente americana, è interpretato da Christian Bale, mentre nel film ci sono anche Amy Adams, Steve Carell e Sam Rockwell, che interpreta George W. Bush.

È nei cinema dal 3 gennaio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.