Silvio Berlusconi ha detto che si candiderà alle elezioni europee

«Per portare in Europa la mia voce, di un'Europa che deve essere cambiata», ha detto

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha detto che si candiderà alle elezioni europee del prossimo maggio «per portare in Europa la mia voce, di un’Europa che deve essere cambiata». Ha anche aggiunto che si candiderà «per fermare questo governo, dove una parte è rappresentata dal Movimento 5 Stelle, guidato da persone con nessuna esperienza e nessuna competenza. Sono come quei signori della sinistra comunista del ’94, in più hanno questo grande difetto».

Berlusconi, che ha 82 anni, era stato interdetto dai pubblici uffici per via degli effetti della legge Severino in seguito alla sua condanna del 2013. Lo scorso maggio, però, il Tribunale di Sorveglianza di Milano aveva accolto una sua richiesta di riabilitazione rendendolo di nuovo candidabile.

Imprenditore immobiliare e fondatore dell’impero televisivo Mediaset, Berlusconi fondò Forza Italia 25 anni fa. Vinse tre volte le elezioni, ottenendo in tutti e tre i casi l’incarico di presidente del Consiglio. Il suo ultimo governo cadde alla fine del 2011, a causa dell’impennata dello spread e della defezione dei suoi alleati della Lega. Alle politiche del 2013 Berlusconi ottenne a sorpresa un buon risultato, ma da allora le sue fortune politiche sono sempre state in discesa.

Alle politiche del 4 marzo 2018, per la prima volta, Forza Italia è stata superata dalla Lega e Berlusconi ha dovuto cedere al suo segretario, Matteo Salvini, la guida della coalizione. Nelle settimane successive al voto, Berlusconi ha dato a malincuore il suo benestare alla formazione dell’alleanza tra Lega e Movimento 5 Stelle, accettando di rimanere alleato di Salvini negli enti locali, ma alla sua opposizione in Parlamento.

Attualmente Forza Italia è descritta da molti come un partito allo sbando, senza una chiara leadership, né un chiaro orientamente politico, divisa dagli scontri tra i vari dirigenti e le loro differenti visioni sul futuro del partito. Gli ultimi sondaggi in vista delle elezioni europee danno il partito di Berlusconi sotto il 10 per cento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.