• Sport
  • mercoledì 2 gennaio 2019

Roger Federer contro Serena Williams, stavolta davvero

Foto e video della partita di doppio misto che hanno giocato l'una contro l'altro alla Hopman Cup, in Australia

Serena Williams e Roger Federer si fanno un selfie dopo aver giocato contro in un doppio misto alla Hopman Cup nell'Arena di Perth, Australia, 1 gennaio 2019 (Paul Kane/Getty Images)

Lo svizzero Roger Federer e la statunitense Serena Williams, considerati probabilmente il tennista e la tennista più forti di sempre, hanno giocato l’uno contro l’altra in un’attesa partita di doppio misto alla Hopman Cup di Perth, in Australia. Era la prima volta che Federer e Williams si affrontavano in una competizione vera e propria; finora si erano incontrati solo in esibizioni e partite di beneficenza. I loro compagni di squadra erano la svizzera Belinda Bencic e lo statunitense Frances Tiafoe: ha vinto la squadra svizzera, quella di Federer, per 2-1.

La Hopman Cup è un torneo a squadre nazionali – come la Coppa Davis o la Fed Cup – miste, che prevedono cioè sia uomini che donne. Partecipano ogni anno otto nazioni formate ognuna da una coppia di un uomo e una donna, che si affrontano in un singolare femminile, uno maschile e un doppio misto. La vittoria di Federer e Bencic ha portato la Svizzera in vantaggio contro gli Stati Uniti per 2-1. Il torneo si gioca quest’anno dal 29 dicembre al 5 gennaio tra Germania, Grecia, Australia, Francia, Regno Unito, Spagna, e appunto Svizzera e Stati Uniti; l’Italia non è presente.

Al termine dell’incontro sia Williams che Federer hanno elogiato la tecnica e le qualità dell’altro, dicendo entrambi che è stata un’opportunità giocare contro. Lei ha detto che è stato «super figo» e «molto divertente», lui ha risposto che era nervoso soprattutto per il servizio potente di lei. Alla fine si sono fatti un selfie insieme.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.