• lunedì 17 dicembre 2018

Un regalo di Natale al giorno: -8

Cuffie con e senza fili, auricolari, casse portatili e non: cose per ascoltare la musica come si deve, insomma

Il principe Harry e Meghan Markle ascoltano la radio da due grandi cuffie, il 9 gennaio 2018 (Dominic Lipinski - WPA Pool/Getty Images)

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.
A ottobre li comprano.

E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24 dicembre, nel panico delle ultime ore, si trovano in un negozio pieno di gente a comprare i soliti calzini. Puntualmente, negli istanti prima di essere travolti da una famiglia con nonni e carrelli al seguito, si maledicono e si promettono: «L’anno prossimo i regali li compro in anticipo, su internet». Puntualmente, si ritrovano il 24 dicembre dell’anno dopo a essere travolti dalla stessa famiglia, che nel frattempo ha un bambino in più.
Visto che i primi sono supereroi e i supereroi se la cavano benissimo da soli, e visto che quelli della seconda categoria – gli umani, insomma – sono la grande maggioranza, il Post ha pensato a un piano di compromesso per cercare di salvarli.
Un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica-regali, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte. E se nel frattempo imbarchiamo qualcuno della mozione Flanagin, anche meglio.

In tutte le liste di suggerimenti per i regali di Natale messe insieme da riviste e giornali c’è una cosa che non manca mai: le cuffie per ascoltare la musica. Forse è perché è una di quelle cose che quando funziona bene fa la differenza ma che magari non ci si compra da soli perché ci si accontenta delle vecchie, forse perché tutti le usano e ogni anno ci sono dei modelli nuovi. Il Post ne aveva suggeriti alcuni anche l’anno scorso ma, appunto, ci voleva un aggiornamento. Il redattore audiofilo ha messo insieme una serie di consigli – lunga, ma completa – a seconda delle esigenze.

Innanzitutto bisogna decidere se le cuffie le si preferisce con il filo o senza fili. Tra quelle con il filo, le Sony MDR 7506 sono praticamente onnipresenti nelle liste delle migliori sul mercato nella fascia economica. Sono un modello storico e sono adatte a un ascolto in casa o sul posto di lavoro, non tanto per strada (anche per via del cavo a spirale). Sono chiuse, cioè con l’esterno dei padiglioni senza aperture, e garantiscono quindi un certo isolamento. Vanno bene per chi vuole risparmiare su caratteristiche come bluetooth e cancellazione del suono, per guadagnarci il più possibile in qualità del suono. (99 euro)

Un’ottima alternativa sono le Audio-Technica ATH-M40X: ripiegabili, con un cavo liscio in dotazione, chiuse e con un buon isolamento, ma senza cancellazione del rumore (quindi si sentono comunque le auto per strada), con i bassi più accentuati e quindi preferibile per chi ascolta generi musicali più contemporanei (97 euro). Per chi infine ha meno pretese, e vuole un paio di cuffie da buttare in fondo a uno zaino senza troppe preoccupazioni o da lasciare incustodite in uffici affollati, sono adatte le Superlux HD681EVO: taiwanesi, bilanciate, comode, con una qualità del suono paragonabile a modelli di marche più note che costano almeno il doppio. (42 euro)

Da sinistra, le Sony MDR 7506, le Audio-Technica ATH-M40X e le Superlux HD681EVO

Per quanto riguarda le cuffie senza fili, bisogna preventivare una spesa un po’ più alta. Con meno di 200 euro si può scegliere ad esempio tra le Plantronics BackBeat PRO 2 (181 euro), molto consigliate e con un sistema minimo di cancellazione del rumore, e le Sony MDR-XB950B1 (97 euro), perfette per un regalo per chi ascolta hip hop o musica elettronica, e ha bisogno di un paio di cuffie da tutti i giorni. L’alternativa ancora più economica consigliata da Wirecutter, l’affidabile sito di recensioni del New York Times, sono le Jabra Move (72 euro), con una buona batteria e una qualità paragonabile a modelli ben più costosi.

Da sinistra, le Plantronics BackBeat PRO 2, le Sony MDR-XB950B1 e le Jabra Move

C’è un’altra categoria di cuffie di cui tener conto se la persona a cui volete fare un regalo ci tiene molto a sentire bene: per chi viaggia molto, passa molto tempo in ambienti rumorosi come metropolitana o open space, o ancora vuole ascoltare la musica senza tenere un volume troppo alto, è bene scegliere delle cuffie noise-cancelling, che cioè riducono il rumore proveniente dall’esterno. Costano significativamente di più, quindi per avere la stessa qualità del suono bisogna salire con le cifre. Le Bose QuietComfort 35 II (310 euro) sono comode e hanno una qualità del suono molto alta. Inoltre sono poco ingombranti e wireless, perché se si usano mentre ci si sposta è meglio non avere cavi di mezzo. Per qualche decina di euro in più, i siti specialistici parlano ancora meglio delle Sony WH-1000XM3 (380 euro), considerate le migliori cuffie wireless sul mercato. 

Da sinistra, le Bose QuietComfort 35 II e le Sony WH-1000XM3

Se comprensibilmente volete spendere meno, l’alternativa più consigliata dagli esperti sono le Audio-Technica ATH-ANC70 (96 euro), che hanno il cavo, e le Audio-Technica ATH-ANC9 (240 euro), che invece no, ma costano più del doppio.

E poi ci sono gli auricolari. Sono adatti come regalo per quelle persone che ascoltano musica diverse ore al giorno, magari spostandosi e nelle pause tra una telefonata all’altra, ma per pigrizia continuano a farlo con le scadenti cuffie in dotazione con gli smartphone. Ce ne sono tantissimi, ma forse il modello più consigliato è il 1MORE Triple Driver (83 euro), considerati da molti auricolari che valgono molto di più del loro prezzo.

Per un gran regalo a uno sportivo, che ascolta musica correndo, camminando in montagna o in palestra, vanno bene i Jaybird X3 (98 euro), considerati i migliori sotto i 100 euro da WirecutterDigitalTrends. Sono comodissimi, stanno ben fissi e hanno una batteria che dura fino a 8 ore. È uscito anche il modello successivo, i Jaybird X4 (134 euro).

Da sinistra, gli auricolari 1MORE Triple Driver e i Jaybird X3

Bonus: le casse
Per chi non si deve preoccupare di disturbare il vicino di scrivania e può ascoltare la musica senza cuffie ma vuole comunque qualcosa di portatile: da ormai qualche anno, le casse Bluetooth più consigliate dai siti specializzati sono le UE Boom, prodotte dall’azienda californiana Ultimate Ears. Sono robuste, pratiche, semplici da usare, completamente impermeabili e hanno una qualità del suono sorprendente per essere delle piccole scatolette di plastica e metallo pensate per essere portate in giro. E soprattutto hanno un prezzo contenuto che le rende perfette per essere regalate. C’è il modello UE Boom 2 (79 euro) e il successivo UE Boom 3 (150 euro), migliorato nel design, in alcune funzioni e nell’impermeabilità.

UE Boom 3

Tra le più consigliate e diffuse casse per ascoltare la musica in casa ci sono invece le Sonos One (200 euro), che sono considerate una garanzia: gran qualità del suono, gran volume, e possibilità di assemblare un impianto completo aggiungendo col tempo altre casse e subwoofer della stessa linea. Diversi redattori del Post ci hanno arredato casa, con soddisfazione.

Se la persona a cui dovete fare un regalo ha già tutto il necessario per ascoltare la musica, oppure ama il silenzio, qui ci sono le altre idee del calendario dell’avvento del Post. Altre ancora le trovate in queste liste divise per budget:

– Regali che costano meno di 20 euro (con l’integrazione di questa seconda lista di regali molto economici)
– Regali tra i 20 e i 60 euro
– Regali tra i 60 e i 100 euro

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.