• Mondo
  • venerdì 7 dicembre 2018

A Parigi c’è preoccupazione per sabato

Sarà il quarto weekend di proteste – dei "gilet gialli" ma non solo – e tutte le principali mete turistiche della città saranno chiuse

(Veronique de Viguerie/Getty Images)

C’è molta preoccupazione per quello che potrebbe succedere sabato e domenica a Parigi e in altre città della Francia, nel quarto weekend di proteste contro il governo di Emmanuel Macron da parte dei “gilet gialli”, ma non solo. Il primo ministro Edouard Philippe ha detto che nelle strade francesi ci saranno 89mila poliziotti, 8mila dei quali solo a Parigi. Sempre a Parigi saranno anche chiuse tutte le principali mete turistiche, compresi il museo del Louvre e la Tour Eiffel. Le chiusure sono state decise perché si temono danneggiamenti simili a quelli subiti dall’Arco di Trionfo, che una settimana fa è stato imbrattato. Franck Reister, il ministro della Cultura, ha detto: «Conoscendo la minaccia, non possiamo correre il rischio».

Le proteste dei “gilet gialli” erano iniziate un mese fa, contro l’aumento delle accise sui carburanti previsto dal prossimo primo gennaio. L’aumento delle accise è nel frattempo stato sospeso ma la cosa non ha fermato le proteste, che ora riguardano più in generale il governo di Macron, in particolare da parte di chi vive nelle aree rurali della Francia e vede Macron come “il presidente dei ricchi”. Si teme tra l’altro che, come successo nelle precedenti manifestazioni – in particolare a Parigi – tra i manifestanti si inseriscano militanti organizzati dell’estrema destra e dell’estrema sinistra. Macron ha detto che non parlerà prima delle manifestazioni di domani, per non rendere ancora più problematica la situazione. Ci si aspetta che parli lunedì, a meno che non succeda qualcosa domani che lo costringa a farlo prima.

Il comune di Parigi ha scritto diversi tweet per chiedere ai manifestanti di rispettare la città. Anne Hidalgo, la sindaca di Parigi, ha detto che sono stati presi provvedimenti per rimuovere dalle strade della città oggetti di vario tipo che potrebbero essere usati da manifestanti violenti: sono state per esempio rimosse diverse stazioni del bike sharing.

Sul sito del comune di Parigi c’è una lunga lista di musei, parchi, aree pubbliche e luoghi di interesse che domani, sabato 8 dicembre, saranno chiusi. Oltre al Louvre e alla Tour Eiffel, saranno chiusi tra gli altri anche il Musée Delacroix, il Musée d’Orsay, l’Opera, il Grand Palais, il Petit Palais e il Museo d’arte moderna. Dalle sei del mattino fino al momento in cui non ci saranno più manifestanti sono anche state previste restrizioni alla circolazione in molte aree della città. La polizia ha chiesto a negozianti e ristoratori che si trovano nell’area degli Champs-Élysées di chiudere le loro attività e non lasciare in strada niente (per esempio sedie e tavolini) che possa essere danneggiato o usato dai manifestanti. È stato chiesto anche di non lasciare spazzatura in strada, perché qualcuno potrebbe darle fuoco. A Parigi saranno anche usati alcuni veicoli corazzati.

È stata anche posticipata la partita di calcio tra Paris Saint-Germain e Montpellier, così come altre partite della Ligue 1, la Serie A francese, previste in altre città del paese.

Mostra commenti ( )