La sonda OSIRIS-REx della NASA ha raggiunto il suo asteroide Bennu

La sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA ha raggiunto il suo asteroide Bennu, dopo un viaggio interplanetario durato più di due anni coprendo una distanza di 2 miliardi di chilometri dalla Terra. La missione prevede di rimanere nei pressi dell’asteroide per due anni e mezzo per: mapparne la superficie, studiarne la composizione e prelevare campioni da riportare poi sulla Terra per analisi più approfondite. Lunedì 3 dicembre, i tecnici della missione hanno attivato i razzi di OSIRIS-REx per circa 20 secondi, facendola rallentare a sufficienza da raggiungere una velocità analoga a quella di Bennu. La sonda ora orbita intorno all’asteroide, a una distanza massima di 7 chilometri. Gli asteroidi sono ciò che resta dei processi che portarono alla formazione del nostro sistema solare, dalla loro analisi si possono quindi scoprire nuove cose su come si formarono i pianeti – Terra compresa – miliardi di anni fa. Il ritorno dei frammenti di Bennu è in programma per il 2023.

L'asteroide Bennu, all'arrivo di OSIRIS-REx (NASA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.