(LUDOVIC MARIN/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 11 novembre 2018

Le foto delle celebrazioni per l’anniversario della fine della Prima guerra mondiale a Parigi

C'erano un po' tutti, da Trump a Trudeau passando per Mattarella: una raccolta di facce solenni e strette di mano

(LUDOVIC MARIN/AFP/Getty Images)

Domenica mattina circa 70 leader mondiali hanno partecipato a Parigi alle celebrazioni per il centenario dell’armistizio della Prima guerra mondiale, che ricorre oggi. La cerimonia si è svolta nei pressi dell’Arco di Trionfo, dove si trova una delle più famose tombe al Milite Ignoto (uno dei milioni di soldati uccisi durante la Prima guerra mondiale).

C’erano un po’ tutti, dal presidente americano Donald Trump a quello russo Vladimir Putin – che si sono stretti la mano con un calore notato da molti – passando per la cancelliera tedesca Angela Merkel, e ovviamente il presidente francese Emmanuel Macron, che ha tenuto un breve discorso. L’Italia era rappresentata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La cerimonia è filata piuttosto liscia, tranne che per la contestazione di alcune decine di manifestanti nei confronti di Trump.

L’armistizio di Compiègne fu firmato verso le 6 del mattino dell’11 novembre 1918. I firmatari – la Germania da una parte e Francia e Regno Unito dall’altra – decisero che sarebbe entrato in vigore a partire dalle 11 di quello stesso giorno (l’11 novembre, cioè l’11/11). Le firme furono fatte in un vagone ferroviario.

L’armistizio prevedeva, oltre alla cessazione delle ostilità, che le truppe tedesche si ritirassero entro 15 giorni dai territori occupati in Francia, in Belgio e in Lussemburgo e che consegnassero ai vincitori della guerra le loro armi e le loro navi da guerra agli Alleati. L’armistizio mise fine a una guerra in cui morirono almeno 15 milioni di persone, più della metà dei quali civili.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.