• Italia
  • giovedì 25 ottobre 2018

L’Associazione musulmani di Bergamo ha vinto all’asta un’ex chiesa cattolica

E ci farà probabilmente una moschea, aggirando così una contestata legge regionale che rende molto difficile costruirne una da zero

L’Associazione musulmani di Bergamo ha vinto un’asta pubblica per l’assegnazione di un’ex cappella di frati cappuccini, a Bergamo. L’associazione ha partecipato a un’asta indetta a settembre, tramite la quale l’ospedale Papa Giovanni XXIII ha voluto vendere l’ex cappella. L’ha vinta offrendo circa 450mila euro: poco più dei 418mila euro che erano il prezzo di base d’asta comunicato a inizio settembre dalla regione Lombardia.

Come spiegato dall’Eco di Bergamo, nel giugno 2015 la gestione dell’ex cappella era stata data alla comunità ortodossa, che per circa tre anni l’ha gestita in comodato d’uso; «poi nel settembre 2018 la cappella è stata inserita tra i beni in vendita». Ci si aspettava, scrivono diversi giornali, che a vincere l’asta sarebbe stata proprio la comunità ortodossa. Nelle ultime ore si è parlato della questione perché nel 2015 la Lombardia aveva approvato una legge regionale da alcuni definita «anti moschee», che rende di fatto molto difficile costruire da zero luoghi di culto nonostante il principio costituzionale della libertà religiosa.

Oltre alla cappella, l’immobile acquistato dall’Associazione musulmani di Bergamo comprende anche il convento che ospitava i frati cappuccini. Non è chiaro che uso ne farà, ma è probabile che sposterà nel nuovo immobile le attività che ora svolge, secondo quanto scritto da Repubblica, «in una sala civica comunale di Boccaleone, uno dei quartieri periferici della città». Sempre Repubblica ha scritto:

L’intenzione dell’associazione è quella di mantenere la destinazione del sito a luogo di culto, realizzando quindi una vera e propria moschea aggirando così, in maniera del tutto legale e legittima, la norma regionale nota come “legge anti moschee”. Quest’ultima prevede infatti vincoli molto severi che, di fatto, rendono pressoché impossibile la costruzione di nuovi luoghi culto. Nel caso dell’ex cappella dei Riuniti, già destinata all’uso religioso dal Piano di governo del territorio approvato dal consiglio comunale, il problema non si pone.

La notizia è stata accolta in modi diversi. Il Giornale ne ha parlato come di una scelta che «farà discutere» (seppur ovviamente legittima). Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, ha commentato così la vicenda: «😂».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.