• Sport
  • sabato 20 ottobre 2018

L’Italia ha perso la finale dei Mondiali femminili di pallavolo

Contro la Serbia, per 3 a 2: ma ha giocato comunque un torneo sorprendente

(MARTIN BUREAU/AFP/Getty Images)

L’Italia ha perso per 3 a 2 la finale dei Mondiali femminili di pallavolo contro la Serbia, dopo una partita combattuta arrivata fino al quinto set. La Serbia, l’unica Nazionale ad aver battuto l’Italia in questi Mondiali – già nelle Final Six, prima della finale – è sembrata superiore e più in controllo, ma l’Italia ha disputato un Mondiale sopra le aspettative e con ogni probabilità esprimendo al massimo il suo potenziale. Per L’Italia era la seconda finale in un Mondiale femminile, dopo quella vinta nel 2002 contro gli Stati Uniti.

Il primo set è stato vinto per 25-21 dall’Italia, che ha iniziato molto bene la partita. Poi però la Serbia ha preso il controllo della gara e ha dominato il secondo set, vincendolo per 25 a 14. Nel terzo, l’Italia è tornata a essere molto concentrata, mantenendo il vantaggio per la maggior parte del tempo: dopo alcuni errori, però, la Serbia è tornata sopra, portandosi fino al punteggio di 20-18. Nel finale, l’Italia ha infilato una serie di gran giocate finché un punto di Paola Egonu ha chiuso il set sul punteggio di 25-23.

Nel quarto set, l’Italia è stata quasi sempre in svantaggio, arrivato fino a cinque punti sul 18 a 13 per la Serbia. Nel finale la Nazionale ha accorciato le distanze portandosi sul 19 a 22, ma alla fine la Serbia aveva chiuso sul 25-19. Nel tie-break le due squadre si sono combattute punto a punto, ma dopo alcuni rocamboleschi scambi nel finale la Serbia è riuscita a staccare l’Italia vincendo per 15 a 12.

L’Italia era arrivata in finale battendo in semifinale la Cina, dopo una partita molto combattuta vinta dall’Italia per 3 a 2, mentre la Serbia aveva battuto in semifinale i Paesi Bassi per 3 set a 1.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.