Un uomo tiene in mano una foto di Jamal Khashoggi di fronte all'ambasciata saudita a Washington (AP Photo/Jacquelyn Martin)
  • Mondo
  • martedì 16 ottobre 2018

Forse l’Arabia Saudita sta per cambiare versione su Jamal Khashoggi

Ammetterà l'omicidio dicendo che sia stato "un errore", dopo averlo negato in tutti i modi per due settimane, scrive la stampa internazionale

Un uomo tiene in mano una foto di Jamal Khashoggi di fronte all'ambasciata saudita a Washington (AP Photo/Jacquelyn Martin)

L’Arabia Saudita si starebbe preparando a dare una nuova versione dei fatti sulla sparizione del giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi, ammettendone l’omicidio. Secondo diverse fonti a conoscenza dei piani sauditi, citate per esempio dal New York Times e da CNN, il governo di Riyadh potrebbe presto ammettere di avere ucciso Khashoggi lo scorso 2 ottobre nel consolato saudita a Istanbul, come sostengono da giorni ricostruzioni giornalistiche e amici e familiari di Khashoggi, ma potrebbe aggiungere di averlo fatto “per errore”, cioè durante un interrogatorio finito male.

Secondo questa ricostruzione, sarebbe stato un agente dell’intelligence saudita amico del potente principe ereditario Mohammed bin Salman a interrogare e uccidere Khashoggi. L’interrogatorio sarebbe stato approvato dallo stesso principe, che avrebbe anche previsto la possibilità di riportare forzatamente il giornalista in Arabia Saudita. La nuova versione dei fatti arriverebbe dopo due settimane di smentite categoriche – la versione del regime e del principe, mai dimostrata da nessuna prova, fin qui è sempre stata che Khashoggi fosse uscito dal consolato sulle sue gambe – servirebbe all’Arabia Saudita per allentare la pressione internazionale e frenare la crisi politica in corso: sarebbe un modo per salvare la faccia, ma potrebbe non essere sufficiente per convincere chi sostiene che quello di Khashoggi sia stato un omicidio premeditato.

La ricostruzione saudita, se diffusa, potrebbe risultare utile anche per gli Stati Uniti e la Turchia, ha scritto il New York Times: potrebbe togliere da una posizione complicata il presidente statunitense Donald Trump, che nei giorni scorsi era stato molto criticato per non avere preteso maggiore chiarezza dalla leadership saudita ed era stato accusato di essere manovrato da Mohammed bin Salman; potrebbe inoltre evitare alla Turchia di dover prendere le distanze dall’Arabia Saudita, paese con cui ha da tempo profonde divergenze in politica estera ma da cui arrivano ingenti prestiti a interessi piuttosto bassi, utili per un’economia in difficoltà come quella turca. D’altra parte il governo turco potrebbe anche trovarsi in difficoltà a gestire la nuova situazione, visto che nelle ultime due settimane ha fatto trapelare moltissime informazioni che indicano la teoria dell’omicidio premeditato.

Per il momento è difficile stabilire con certezza cosa sia successo a Khashoggi, che è sparito lo scorso 2 ottobre dopo essere entrato nel consolato saudita a Istanbul. L’ipotesi più probabile, quella che ormai viene data per certa da quasi tutte le ricostruzioni, è che sia stato ucciso all’interno del consolato da agenti sauditi mandati appositamente dal regime di Riyadh, tra cui un esperto di autopsie, e che il suo corpo sia stato poi smembrato e trasferito in un altro luogo. Intanto nella notte tra lunedì e martedì la polizia turca ha ispezionato il consolato saudita; martedì invece è arrivato a Riyadh il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, per incontrare Salman.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.