La Commissione europea ha deferito la Polonia alla Corte di Giustizia della UE

Per avere violato il principio di indipendenza della magistratura a seguito dell'adozione di una controversa legge sulla Corte suprema

La Commissione europea ha annunciato oggi di avere deferito la Polonia alla Corte di giustizia dell’Unione Europea per avere violato il principio di indipendenza della magistratura. L’iniziativa della Commissione è rivolta contro una legge molto controversa entrata in vigore lo scorso luglio e accusata da molti osservatori e politici stranieri di trasformare la Polonia in uno stato autoritario: la legge ha introdotto alcune modifiche che di fatto permetteranno al governo polacco di nominare molti nuovi giudici della Corte suprema nazionale, fino a controllare le decisioni dell’organo. La Commissione ha inoltre chiesto alla Corte di giustizia di «ordinare misure cautelari» per ripristinare la situazione della Corte suprema polacca precedente all’entrata in vigore del provvedimento.

(JANEK SKARZYNSKI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.