Una bambina salvata dalla polizia che l'ha trovata in un edificio crollato a Hong Kong, 16 settembre 2018 (Lam Yik Fei/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 17 Settembre 2018

Le ultime foto del tifone Mangkhut

Dopo avere causato decine di morti nelle Filippine e grandi danni a Hong Kong, il tifone sta ora portando piogge e forti venti in Cina

Una bambina salvata dalla polizia che l'ha trovata in un edificio crollato a Hong Kong, 16 settembre 2018 (Lam Yik Fei/Getty Images)

La ricerca dei dispersi e le attività dei soccorritori proseguono nelle Filippine, dove nel fine settimana il tifone Mangkhut ha causato grandi danni e la morte di decine di persone. Il tifone si è spostato verso la Cina continentale, dove ha portato piogge e venti molto intensi. Almeno due persone sono morte nella provincia del Guandong, dove le autorità hanno disposto ordini di evacuazione per oltre 2,5 milioni di persone. Tra sabato 15 e domenica 16 settembre, Mangkhut ha causato inondazioni e gravi danni agli edifici di Hong Kong, rendendo sostanzialmente necessaria la chiusura di buona parte della metropoli.

Nelle Filippine 33 minatori sono morti a causa delle frane e delle inondazioni, mentre altri 29 sono dati per dispersi nella zona di Itogon, nella provincia di Benguet nel nord del paese.

Finestre di un centro commerciale rotte dal tifone a Hong Kong, 16 settembre 2018 (Lam Yik Fei/Getty Images)

Non ci sono stime ufficiali sul numero complessivo delle persone morte a causa del tifone Mangkhut nelle Filippine, ma secondo le autorità locali potrebbero essere più di 100.

A Hong Kong ci sono stati almeno 200 feriti, ma non ci sono notizie di pazienti in condizioni gravi negli ospedali a causa del tifone.

Un appartamento scoperchiato dal tetto a Hong Kong, 16 settembre 2018 (Lam Yik Fei/Getty Images)

Sui social network diversi utenti hanno condiviso immagini di edifici che oscillavano a causa delle forti raffiche di vento, locali sottacqua a causa delle ondate dal mare e crolli di parti di palazzi.

Il piano di evacuazione ha comunque consentito di fare abbandonare le aree più a rischio in tempo, anche se si sono formate grandi code a causa dell’interruzione di alcune linee dei servizi pubblici.

Una bambina salvata dalla polizia che l’ha trovata in un edificio crollato a Hong Kong, 16 settembre 2018 (Lam Yik Fei/Getty Images)

Centinaia di migliaia di persone sono in attesa di poter tornare nelle loro abitazioni, cosa che sta mettendo sotto forte pressione il sistema dei trasporti.

Almeno 900 voli sono stati cancellati all’Aeroporto internazionale di Hong Kong. Anche nella vicina Macao ci sono stati danni a causa delle forti piogge e dei venti. Nella zona sono stati temporaneamente chiusi alcuni dei casinò più famosi, cosa mai successa prima nella storia della regione speciale cinese.

Campi di riso e granoturco danneggiati dal tifone e allagati da un fiume esondato ad Alcala, nelle Filippine, 16 settembre 2018 (TED ALJIBE/AFP/Getty Images)

In Cina, il tifone Mangkhut ha raggiunto la terraferma nella zona di Jiangmen, città nella provincia del Guangdong. La perturbazione continuerà a spingersi a ovest verso l’entroterra, perdendo progressivamente forza man mano che si allontana dal mare. Entro martedì dovrebbe avere dissipato buona parte della propria energia, ma continuerà comunque a portare piogge copiose nella Cina meridionale.