(ANSA/CHIGI PALACE PRESS OFFICE/FILIPPO ATTILI)

Cosa c’è nel disegno di legge anticorruzione

Il cosiddetto "spazzacorrotti" introduce la figura dell'agente provocatore e il "daspo per i corrotti": ora dovrà essere approvato dal Parlamento

(ANSA/CHIGI PALACE PRESS OFFICE/FILIPPO ATTILI)

Giovedì sera il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge (DDL) anticorruzione, ribattezzato “#SpazzaCorrotti”, che tra le altre novità alza le pene per i reati di corruzione, introduce la figura dell’agente sotto copertura per quel tipo di reati e il “daspo” contro i corrotti, che serve a impedire che i condannati per corruzione possano trattare nuovamente con la pubblica amministrazione. Per entrare in vigore il DDL ora dovrà essere approvato da entrambe le Camere.

Il contenuto del DDL è stato illustrato in una conferenza stampa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dal vicepresidente Luigi Di Maio e dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Le principali novità introdotte dallo “spazzacorrotti” sono:

  • L’aumento delle pene per i reati di corruzione, con il minimo che passa da uno a 3 anni e il massimo che passa da 6 ad 8 anni di reclusione;
  • Il divieto per i condannati per reati di corruzione di fare affari a qualsiasi titolo con la pubblica amministrazione (è il famoso “daspo” contro ai corrotti). Il “daspo” dura da un minimo di 5 anni fino all’interdizione a vita;
  • La possibilità di utilizzare agenti sotto copertura anche per i reati di corruzione;
  • L’introduzione di sconti di pena e di “clausole di non punibilità” per chi denuncia i corrotti o fornisce prove di reati di corruzione;
  • Per i reati di corruzione la confisca dei beni rimane anche in caso di amnistia o prescrizione se si è già arrivati a una condanna almeno di primo grado;
  • Il reato di millantato credito viene assorbito da quello di traffico di influenze (chi assicura di poter influenzare un pubblico ufficiale viene punito ugualmente sia che lo abbia influenzato veramente, sia nel caso stesse mentendo).
  • Viene eliminata la possibilità di restare anonimi per chi fa donazioni a partiti, fondazioni o altri organismi politici

Alcune parti del DDL non sono state illustrate in tutti i loro dettagli e sarà probabilmente necessario attendere qualche giorno affinché vengano chiarite. Il governo infatti non ha pubblicato il testo completo del DDL, ma soltanto delle slide piuttosto essenziali che ne riassumono i contenuti.

Una delle slide esplicative pubblicate sul sito del governo

L’opposizione, da Forza Italia al PD, ha criticato il DDL accusandolo in particolare di contenere diverse disposizioni incostituzionali, come ad esempio la disposizione di pene accessorie, come la confisca del denaro frutto di corruzione, anche in caso di prescrizione o amnistia. Diversi magistrati intervistati nelle ultime ore hanno invece dichiarato di apprezzare la legge, che aumenta i loro poteri nei confronti di tutti coloro che sono sospettati di corruzione.

L’approvazione del DDL da parte del governo era stata preceduta da una “lettera ai corrotti” pubblicata sul blog del Movimento 5 Stelle in cui il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio sosteneva che grazie a questa legge «corrompere non converrà più a nessuno e in nessun caso». La lettera si concludeva con un’esortazione ai lettori del blog: «Cari cittadini, mandate anche voi un messaggio ai corrotti italiani utilizzando l’hashtag #SpazzaCorrotti. Sono fregati!»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.