• Mondo
  • mercoledì 5 settembre 2018

L’articolo anonimo contro Trump sul New York Times

Lo ha scritto un membro dell'amministrazione, per raccontare che ci sono "persone coraggiose" alla Casa Bianca che cercano di impedire al presidente di fare danni

La Casa Bianca la sera del 31 agosto (Mark Wilson/Getty Images)

Il New York Times ha pubblicato mercoledì nello spazio Editoriali e commenti del suo sito un eccezionale “articolo anonimo”, introdotto e spiegato così:

Il New York Times compie oggi il raro passo di pubblicare un articolo di commento anonimo. Lo facciamo su richiesta dell’autore, un importante esponente dell’amministrazione Trump la cui identità ci è nota e il cui ruolo sarebbe minacciato se fosse svelata. Crediamo che pubblicare questo articolo anonimamente sia l’unico modo per diffondere una lettura importante presso i nostri lettori. Vi invitiamo a inviare domande sull’articolo o sui nostri criteri di pubblicazione.

Le cautele del New York Times nello spiegare la delicata scelta di pubblicare l’articolo pur nascondendone la fonte hanno a che fare con il suo contenuto e le accuse molto forti che espone. L’autore vuole contemporaneamente descrivere la grande incompetenza e inaffidabilità del presidente Trump – soprattutto nell’allontanarsi da quelli che sono citati come i principi della politica Repubblicana e nel cambiare frequentemente avviso su molte decisioni e approcci importanti – e anche il valore dei suoi collaboratori, che alla Casa Bianca cercano di attenuare le conseguenze di una presidenza descritta come disastrosa, caotica e pericolosa: “[Per Trump] Il problema – che non riesce a capire del tutto – è che molti dei principali responsabili nella sua stessa amministrazione lavorano assiduamente dall’interno per opporsi a parti del suo programma e alle sue peggiori inclinazioni. Io lo so, sono uno di loro”.

L’imprevedibile comportamento [del Presidente] sarebbe più preoccupante se non fosse per gli oscuri eroi dentro e intorno alla Casa Bianca. Alcuni dei suoi collaboratori sono stati descritti dai media come “cattivi”, ma in privato si sono spinti molto in là per trattenere all’interno della Casa Bianca le decisioni sbagliate, anche se non ci sono evidentemente sempre riusciti.

Può suonare come una magra consolazione in quest’era confusa, ma gli americani devono sapere che ci sono degli adulti in queste stanze. Ci rendiamo conto esattamente di cosa sta succedendo. E cerchiamo di fare ciò che è giusto anche quando Donald Trump non lo fa.

Le critiche contro Trump – che verranno di certo citate e ripetute infinite volte nelle prossime settimane – sono chiarissime e per niente sfumate: e sono coerenti con quanto è noto di lui per via dei suoi comportamenti pubblici e gli ormai moltissimi racconti di chi ha lavorato con lui in questi mesi.

La radice del problema è l’amoralità del presidente. Chiunque lavori con lui sa che non è ancorato a nessun comprensibile principio che guidi i suoi processi decisionali.

Malgrado sia stato eletto come Repubblicano, il presidente mostra pochissime affinità con gli ideali storici dei conservatori: libero pensiero, libero mercato e liberi individui. Nel migliore dei casi, li ha citati in situazioni preconfezionate. Nel peggiore, li ha palesemente attaccati.
In aggiunta alla sua propaganda del concetto che la stampa sia “nemica del popolo”, gli istinti del presidente Trump sono generalmente anti-mercato e anti-democratici.
Non equivocatemi. Ci sono elementi positivi che l’incessante narrazione negativa sull’amministrazione manca di afferrare: una riuscita deregulation, riforme fiscali storiche, un rafforzamento militare e altro.
Ma questi successi si sono ottenuti non per merito ma malgrado lo stile di leadership del Presidente, che è impulsivo, aggressivo, piccino e inefficace.

Lo stesso vale per la politica estera, in cui la lettera racconta cose ampiamente note tra chi segue l’amministrazione Trump, e sostiene che non avvengano per caso.

In pubblico e in privato, il presidente Trump mostra di preferire autocrati e dittatori come il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-un, e non dimostra un sincero apprezzamento per le cose che ci legano con i nostri alleati. Nonostante questo, gli osservatori più attenti hanno notato che il resto dell’amministrazione si comporta diversamente: i paesi come la Russia vengono denunciati e puniti, mentre i nostri alleati nel mondo vengono trattati come pari invece che ridicolizzati come se fossero rivali.

L’autore dell’articolo dice che i membri del governo hanno anche discusso tra loro se invocare o no il Venticinquesimo emendamento – che consente al governo di votare per rimuovere un presidente che si considera mentalmente o fisicamente incapace di fare il suo lavoro – e di condividere con diversi altri suoi colleghi nella Casa Bianca le sue opinioni.

Dalla Casa Bianca ai dipartimenti e alle agenzie dell’esecutivo, i più alti dirigenti confessano in privato la loro quotidiana incredulità nei confronti dei commenti e delle azioni del comandante in capo. La maggior parte cerca di tenere separate le proprie operazioni dai suoi capricci. Le riunioni con lui vanno fuori tema ed escono dal seminato, si dedica a ripetute invettive, e la sua impulsività si traduce in decisioni a metà, male informate e a volte spericolate su cui bisogna tornare indietro.

“Non c’è letteralmente modo di prevedere se cambierà idea da un minuto all’altro”, un importante ufficiale dell’amministrazione si è lamentato con me di recente, esasperato da una riunione nell’Ufficio Ovale in cui il Presidente ha ribaltato una grossa decisione che aveva preso solo una settimana prima.

L’articolo sul New York Times – che segue rivelazioni dello stesso tenore diffuse nelle anticipazioni del libro del giornalista Bob Woodward – è stato subito ripreso da tutti i maggiori siti di news e programmi televisivi statunitensi. Tre ore dopo la sua pubblicazione Donald Trump ha risposto pubblicamente durante un evento alla Casa Bianca:

C’è qualcuno, su quello che io chiamo il morente New York Times, che racconta che lui apparterrebbe a una resistenza all’interno dell’amministrazione Trump. Questo è quello con cui abbiamo a che fare.

Trump ha continuato definendo l’articolo “un editoriale anonimo, ovvero senza spina dorsale”, ha promesso che nel giro di pochi anni le testate come il New York Times o CNN non esisteranno più, ha ripetuto la bugia sulle “scuse” che il New York Times avrebbe rivolto ai suoi lettori dopo la vittoria di Trump; poi ha twittato “TRADIMENTO?” e ha invitato il New York Times – nell’interesse della “sicurezza nazionale” – a diffondere il nome della persona che ha scritto l’articolo.

La sua portavoce Sarah Huckabee Sanders ha poi diffuso un comunicato ufficiale:

L’individuo dietro questo articolo ha scelto di tradire, invece che sostenere, il Presidente degli Stati Uniti regolarmente eletto. Non sta scegliendo il Paese, ma mettendo se stesso e il suo ego prima della volontà del popolo americano. Questo codardo dovrebbe fare la cosa giusta e dare le dimissioni.

Sanders ha aggiunto che “siamo delusi ma non sorpresi che il giornale abbia scelto di pubblicare questo patetico, scriteriato ed egoista commento. È un nuovo punto più basso per il cosiddetto paper of record, che dovrebbe pubblicare delle scuse come fece dopo le elezioni rispetto alla sua disastrosa copertura della campagna Trump. È solo un altro esempio dello sforzo congiunto della stampa liberal per screditare il Presidente”. Il New York Times ha risposto puntualizzando – per l’ennesima volta – di non avere mai pubblicato scuse, ma solo una lettera ai lettori ammettendo di avere sottovalutato il consenso per Trump.

Mostra commenti ( )