Jimmy Åkesson, leader del partito di destra radicale Svedesi Democratici (Mats Andersson / TT via AP)
  • Mondo
  • sabato 1 Settembre 2018

Le elezioni in Svezia saranno un film già visto?

Secondo i sondaggi centrodestra e centrosinistra andranno molto male, mentre la destra radicale anti-immigrati dovrebbe fare il record di voti (ma anche l'estrema sinistra va piuttosto bene)

Jimmy Åkesson, leader del partito di destra radicale Svedesi Democratici (Mats Andersson / TT via AP)

Domenica 9 settembre ci saranno le elezioni in Svezia e il risultato che i sondaggi fanno intravedere non sembra una sorpresa per chi ha seguito la politica europea negli ultimi anni. Come già accaduto in Italia, Francia e Germania, i tradizionali partiti di centrosinistra e centrodestra sono in difficoltà, mentre la destra radicale anti-immigrati toccherà probabilmente il record storico di voti.

Questo non significa che gli Svedesi Democratici, il principale partito svedese di estrema destra, andranno al governo. Tutti i principali partiti hanno già annunciato di non avere intenzione di cooperare con loro, anche per via dei passati legami del partito con formazioni neonaziste. Il voto, quindi, produrrà probabilmente un governo di minoranza guidato da uno dei partiti tradizionali, il Partito Socialdemocratico oppure il Partito Moderato. In Svezia, infatti, le coalizioni sono al momento molto deboli e nessuno sembra in grado di avere la capacità di creare una maggioranza dopo il voto.

Il centrosinistra è diviso in tre partiti che non sembrano avere molto in comune: i Verdi, la Sinistra e il più grande dei tre, il Partito Socialdemocratico del primo ministro Stefan Löfven, attualmente al governo. Quest’ultimo, storicamente uno dei partiti socialdemocratici più forti d’Europa, è quello che oggi appare in maggiore difficoltà. Nel 2014 aveva raccolto il 31 per cento dei voti, mentre oggi i sondaggi lo danno intorno al 25 per cento, il risultato più basso della sua lunga storia.

Il Partito Moderato, la principale forza di centrodestra, non è messo molto meglio. Gli sforzi per formare una coalizione con i suoi tradizionali alleati, il Centro, i Liberali e i Cristiano Democratici sono falliti, e il partito è passato dal 23 per cento del 2014 al 18 stimato dai sondaggi nelle ultime settimane. Se le coalizioni all’interno dei due blocchi sono improbabili, anche un’alleanza trasversale è molto difficile. Visti i cattivi risultati previsti per Socialdemocratici e Moderati, una grande coalizione probabilmente non avrebbe comunque i numeri per ottenere una maggioranza.

Chi invece è cresciuto moltissimo sono gli Svedesi Democratici, il principale partito della destra radicale, ostile agli immigrati e favorevole alla difesa dei cosiddetti “valori tradizionali” della società svedese. Il partito aveva ottenuto un ottimo risultato nel 2014, raccogliendo il 12,9 per cento dei voti. Ora è dato intorno al 18, e, secondo alcuni sondaggi, potrebbe addirittura raggiungere i socialdemocratici. Il quarto partito che potrebbe avvicinarsi e superare la soglia del 10 per cento è il partito della Sinistra, passato dal 5,7 per cento del 2014 al 10 per cento stimato dai sondaggi.

Fino a oggi in campagna elettorale si è discusso soprattutto di immigrazione e integrazione. Nel 2015 la Svezia accolse 163 mila rifugiati, pari all’1,6 per cento dell’intera popolazione del paese. Gli Svedesi Democratici iniziarono ad attaccare il governo per l’atteggiamento ritenuto troppo accogliente – in un paese già molto accogliente e multietnico – e, di fronte a indici di gradimento in costante discesa, il governo socialdemocratico fece rapidamente marcia indietro. A partire dal 2016 i  controlli alle frontiere sono stati ripristinati e le politiche di accoglienza sono state rese più severe. Negli anni successivi i migranti accolti non sono mai stati più di 25 mila l’anno.

Per quanto tutti i principali partiti abbiano inseguito gli Svedesi Democratici sui temi dell’immigrazione (con l’eccezione della Sinistra e dei partiti minori come Verdi e Cristiano Democratici), è stata soltanto la destra radicale a trarne vantaggi dal punto di vista elettorale: al punto da potersi permettere successivamente aperture e moderazioni, nel tentativo di allargare il suo consenso verso il centro dell’elettorato. Il leader del partito, Jimmy Akesson, per esempio, ha detto che la Svezia non potrà restare per sempre «un paese dai capelli biondi e dagli occhi azzurri» e ha aggiunto che il vero problema è che l’attuale governo ha fallito nell’integrare gli stranieri, un terreno su cui promette di fare molto meglio.

Gli Svedesi Democratici non sono gli unici ad attaccare il modello di integrazione adottato nel paese. Pochi giorni fa l’Economist ha raccontato la storia di Tarek, un rifugiato arrivato in Svezia nel 2014. Tarek è un laureato in Economia con un’esperienza di lavoro in una banca di Damasco: in altre parole è il prototipo di immigrato che dovrebbe essere facile da integrare. Tutto quello che chiedeva, ha raccontato all’Economist, era imparare la lingua e poter iniziare a lavorare. Il sistema svedese, però, gli ha impedito esattamente queste due cose. Per un anno e mezzo Tarek è rimasto in un centro per migranti, nutrito e protetto in maniera più che sufficiente, ma senza alcuna possibilità di integrarsi nella società.

Sono in molti a criticare questo modello, accusato di fornire ai rifugiati un welfare capillare che però produce pochi incentivi per integrarsi realmente nella società svedese. Gli effetti di questa mancata integrazione, secondo molti, si vedrebbero nelle periferie delle grandi città, dove nei quartieri a maggioranza straniera comandano le gang e gli atti vandalici sono all’ordine del giorno. Le statistiche mostrano che non esiste un’esplosione di violenza e criminalità in Svezia, ma più che altro una situazione che dura da anni e che a molti svedesi appare oramai essersi incancrenita.

Ma l’immigrazione non è l’unico tema di cui si discute nel paese, né quello che interessa di più gli svedesi. Secondo un recente sondaggio, la priorità è lo stato del servizio sanitario nazionale, mentre l’immigrazione è solo la terza preoccupazione (praticamente a parimerito con la quarta, l’ambiente). Come molti altri paesi europei, la Svezia esce da anni di blocco e in certi casi di taglio della spesa pubblica. Molte infrastrutture si sono degradate e non sono stati fatti investimenti per ristrutturarle, gli impiegati pubblici sono invecchiati e parecchi sono andati in pensione senza essere sostituiti, mentre le risorse assegnate al sistema di welfare, un tempo uno dei più avanzati e invidiati d’Europa, sono state erose lentamente.

Durante la campagna elettorale il Partito Socialdemocratico ha promesso di rimettere mano alla spesa pubblica, riformare sanità e welfare e finanziarle con nuove tasse sulle grandi aziende e sulle imprese finanziarie, ma i suoi consensi sono rimasti in calo. Il Partito Moderato, che invece promette tagli alle tasse per stimolare l’economia, non sembra aver ottenuto risultati migliori. Su questi temi gli Svedesi Democratici sono simili a molti altri partiti della destra radicale: nel loro programma hanno maggiore protezione sociale e spesa pubblica ma senza aumentare le tasse, e la promessa di restituire agli svedesi il denaro che oggi viene speso per assistere gli stranieri.