(ANSA/LUCA ZENNARO)
  • Italia
  • sabato 18 agosto 2018

Le foto dei funerali per i morti di Genova

Si sono tenuti stamattina alla Fiera della città, erano presenti le principali cariche dello stato e centinaia di altre persone

(ANSA/LUCA ZENNARO)

Stamattina a Genova si sono tenuti i funerali di Stato di una parte delle persone morte il 14 agosto nel crollo del ponte Morandi. Si sono svolti nel padiglione Jean Nouvel e sono stati celebrati dall’arcivescovo di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco: ha parlato anche l’imam di Genova, perché alcuni dei morti erano di religione musulmana. Ai funerali erano presenti anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e tutte le più importanti cariche dello Stato, compreso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i ministri Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Nessuno di loro ha però tenuto un discorso.

Nel frattempo, nella notte fra venerdì e sabato sono stati trovati altri tre morti e il numero totale è quindi ora di 41. Ai funerali di Stato di stamattina hanno partecipato solo le famiglie di 20 dei 41 morti. In alcuni casi i familiari che hanno deciso per le cerimonie private hanno detto di averlo fatto per protesta verso lo Stato; altre hanno spiegato di averlo scelto per riservatezza. Si attendono ancora le decisioni dei familiari di altre persone morte nel crollo del ponte.

I funerali si tengono in una giornata di lutto nazionale in cui, per esempio, Rai e Mediaset hanno deciso di non trasmettere pubblicità per tutta la giornata. Si giocherà invece regolarmente la prima partita di calcio di Serie A, tra Chievo Verona e Juventus. Si era parlato di un possibile rinvio dell’intera prima giornata di campionato, invece non giocheranno solo Genoa e Sampdoria, le due squadre di Genova.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.